HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Innovazione, Nantes capitale europea 2019. Nessuna traccia dell'Italia

Innovazione, Nantes capitale europea 2019. Nessuna traccia dell'Italia

Ancora una volta mancano località tricolore tra i premiati. Dal 2014 a oggi solo Torino ha ricevuto premi dall'UE, e come finalista perdente. Un'altra conferma di un Paese in ritardo

Bruxelles – Italia capitale europea dell’innovazione che non c’è. Non figura neppure una città tricolore tra i vincitori della competizione UE che ogni anno premia i migliori centri urbani che più si distinguono per iniziative moderne, tecnologiche, e tali da migliorare la qualità della vita di città. Il bottino messo in palio per l’edizione 2019 di iCapital, capitale dell’innovazione europea, se la spartiscono altri, a cominciare da Nantes (Francia), eletta esempio europeo d’eccellenza. A lei va 1 milione di euro, attraverso il programma Horizon2020 per la ricerca.

Poi ci sono Anversa (Belgio), Bristol (Regno Unito), Espoo (Finlandia), Glasgow (Regno Unito) e Rotterdam (Paesi Bassi), le cinque finaliste a cui vanno 100mila euro ciascuno per promuovere e potenziare le rispettive pratiche innovative. Dell’Italia poche tracce.

Erano tre le città italiane in gara sulle 28 che hanno presentato domanda. Tra Bologna, Torino e Palermo solo la prima è stata selezionata nel gruppo delle 12 semifinaliste, per poi non accedere al turno successivo. Un dato complessivo che certifica ritardi e problemi del Paese quando si tratta di produrre soluzioni di nuova generazione ai problemi di tutti i giorni.

Dal 2014 a oggi nessuna città italiana si è mai fregiata del titolo di capitale europea dell’innovazione, e solo nel 2016 una città si è vista premiare. E’ il caso di Torino, che ha ricevuto 100mila euro in quanto finalista perdente. Poca cosa, dunque. Ma sorprende fino a un certo punto, visto che l’Italia da anni ormai è ferma tra i Paesi a “moderato” tasso di innovazione. Il risultato di oggi non è che un’ulteriore riprova dei problemi del sistema Paese. E dire che l’Italia ha anche superato la Germania per finanziamento a sostegno del settore. Le difficoltà a essere competitivi dovrebbero essere minori, ma si vede che i ritardi erano tali che servirà molto per recuperarli.

ARTICOLI CORRELATI