HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Brexit, i Labour si impegnano: entro sei mesi nuovo accordo con l'UE e referendum
Jeremy Corbyn oggi durante la presentazione del Manifesto

Brexit, i Labour si impegnano: entro sei mesi nuovo accordo con l'UE e referendum

Il leader Corbyn ha presentato il Manifesto elettorale del partito: "Con l'Ue faremo un'intesa credibile" e se non sarà approvata dai cittadini il regno resterà nell'Unione

Bruxelles – Negoziare un nuovo accordo con l’Unione europea entro tre mesi dall’insediamento del nuovo governo e, entro i tre mesi successivi, organizzare un referendum che avrà due opzioni: approvazione dell’accordo o cancellazione della Brexit.

E’ l’impegno scritto nel Manifesto per le elezioni del 12 dicembre che oggi il leader del Labour Jeremy Corbyn ha presentato alla stampa, garantendo che questo è il programma e che “rispetteremo le decisioni” dei cittadini.

Corbyn ha sottolineato che “il 50 per cento del nostro commercio è con l’Unione europea” e dunque pensa a un accordo che garantisca “un’unione doganale permanente” con un “allineamento ravvicinato al mercato unico”. Sarà un accordo “credibile”, ha detto il leader labour, che poi entro tre mesi andrà a un referendum con due opzioni, “approvare l’accordo o restare nell’Unione europea”, ha spiegato Corbyn, che , dice il Manifesto, sarà “legalmente vincolante”, per cui il governo “realizzerà immediatamente la decisione del popolo britannico”.

“Chi vorrà uscire senza rovinare la nostra economia o svendere il nostro Servizio sanitario – ha detto Corbyn nell’introduzione prima di rispondere alle domande – potrà votare per questo. Chi vorrà restare potrà votare per restare” nell’Unione.

Il leader laburista annuncia dunque di voler “levare la questione dalle mani dei politici e dare l’ultima parola al popolo britannico. È tempo di riunire un paese diviso in modo da poter continuare a realizzare il vero cambiamento di cui la Gran Bretagna ha bisogno”.

Figli di coppie gay e adozioni, per la Commissione Ue il legame di genitorialità va riconosciuto in tutti gli Stati membri
Politica

Figli di coppie gay e adozioni, per la Commissione Ue il legame di genitorialità va riconosciuto in tutti gli Stati membri

Il commissario Ue per la Giustizia, Didier Reynders, ha presentato la proposta per armonizzare le norme "a tutela dei diritti dei minori" nelle famiglie in situazioni transfrontaliere: se uno Stato membro stabilisce la genitorialità, tutti gli altri Paesi Ue dovranno riconoscerla, a prescindere dall'orientamento sessuale dei genitori e dal modo in cui viene concepito il figlio