HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Il Consiglio dei ministri UE ha approvato i 26 candidati alla Commissione
Ursula von der Leyen

Il Consiglio dei ministri UE ha approvato i 26 candidati alla Commissione

Il Parlamento voterà la fiducia il 27 novembre. Manca il candidato britannico, che potrebbe arrivare, forse, dopo le elezioni del 12 dicembre

Roma – Come previsto oggi il Consiglio dei ministri UE ha adottato un nuovo “elenco di persone che propone di nominare membri della Commissione fino al 31 ottobre 2024”, come recita una nota.

L’approvazione è arrivata dopo che venerdì sera gli ambasciatori dei 28, con l’astensione del Regno Unito, avevano proposto di approvare e mandare al voto del Parlamento la lista di commissari anche se mancante del candidato britannico, poiché il governo di Londra ha comunicato che non procederà all’indicazione almeno fino alle prossime elezioni politiche del 12 dicembre. Per questa mancanza, la Commissione europea ha già avviato una procedura di infrazione alle previsioni del Trattato UE.

L’approvazione di oggi, avvenuta senza discussione nel Consiglio Sviluppo, apre la strada al voto di consenso del Parlamento europeo sull’intera Commissione come organo, che si terrà il 27 novembre a Strasburgo.

Ai sensi dell’articolo 17, paragrafo 7, del trattato sull’Unione europea, l’elenco dei commissari designati è adottato dal Consiglio di comune accordo con il presidente eletto della Commissione. La presidente eletta Ursula von der Leyen ha dato il suo consenso al progetto di elenco il 21 novembre.

Ecco i nomi della lista con i portafogli indicati da von der Leyen:

Thierry BRETON (Francia) Mercato interno
Helena DALLI (Malta) Uguaglianza
Valdis DOMBROVSKIS (Lettonia) Un’economia al servizio delle persone
Elisa FERREIRA (Portogallo) Coesione e riforme
Mariya GABRIEL (Bulgaria) Innovazione e gioventù
Paolo GENTILONI (Italia) Economia
Johannes HAHN (Austria) Bilancio e amministrazione
Phil HOGAN (Irlanda) Commercio
Ylva JOHANSSON (Svezia) Affari interni
Věra JOUROVÁ (Repubblica ceca) Valori e trasparenza
Stella KYRIAKIDES (Cipro) Salute
Janez LENARČIČ (Slovenia) Gestione delle crisi
Didier REYNDERS (Belgio) Giustizia
Margaritis SCHINAS (Grecia) Promozione dello stile di vita europeo
Nicolas SCHMIT (Lussemburgo) Lavoro e diritti sociali
Maroš ŠEFČOVIČ (Slovacchia) Relazioni Interistituzionali e prospettive strategiche
Kadri SIMSON (Estonia) Energia
Virginijus SINKEVIČIUS (Lituania) Ambiente, oceani e pesca
Dubravka ŠUICA (Croazia) Democrazia e demografia
Frans TIMMERMANS (Paesi Bassi) Green Deal europeo
Jutta URPILAINEN (Finlandia) Partenariati internazionali
Adina VĂLEAN (Romania) Trasporti
Olivér VÁRHELYI (Ungheria) Vicinato e allargamento
Margrethe VESTAGER (Danimarca) Un’Europa pronta per l’era digitale
Janusz WOJCIECHOWSKI (Polonia) Agricoltura

Josep BORRELL FONTELLES (Spagna), Alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza.

A seguito del voto del Parlamento europeo, la Commissione è nominata dal Consiglio europeo, che delibererà a maggioranza qualificata.

ARTICOLI CORRELATI