Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Certificato Covid Recovery plan Elezioni Germania 2021 Coronavirus Brexit SmartEvent
L'Italia si appresta ad approvare la Convenzione sulle lingue minoritarie
Foto da :/www.speakapps.org/

L'Italia si appresta ad approvare la Convenzione sulle lingue minoritarie

Roma – Finalmente anche l’Italia ratificherà la Carta europea delle lingue regionali o minoritarie, testo convenzionale redatto in seno al Consiglio d’Europa (che nulla ha a che fare con l’Unione europea), aperto alla firma a Strasburgo nel novembre 1992.

La Carta è stata finora ratificata da 25 Paesi membri del Consiglio d’Europa e mira a proteggere le lingue regionali o minoritarie ed a promuovere il loro utilizzo al fine di salvaguardare l’eredità e le tradizioni culturali europee, nonché il rispetto della volontà dei singoli di poter usare tali lingue.

Il documento impegna gli Stati a promuovere le lingue regionali o minoritarie esistenti sul loro territorio, sancendo il rispetto dell’area geografica di diffusione di ciascuna di tali lingue e la necessità di una loro promozione, orale e scritta, nella vita pubblica e privata attraverso adeguati mezzi di insegnamento e studio, nonché scambi internazionali qualora alcune delle lingue regionali o minoritarie siano usate anche in altri Stati in forma identica o affine.

L’Italia ancora non  ha provveduto alla ratifica e la questione è ora all’esame del Senato, nelle commissioni Affari costituzionali ed Esteri che ha avviato la discussione. Ed è l’ennesimo tentativo di giungere a conclusione: disegni di legge di ratifica sono già stati discussioni nella XV e XVI legislatura, nella XVII fu adottato un testo base ma l’iter non proseguì per la fine della legislatura.

Fra i Paesi firmatari e che non hanno ancora provveduto alla ratifica oltre all’Italia  si annoverano l’Azerbaijan, la Macedonia del Nord, la Francia, Malta, la Moldova, la Russia. Una particolarità: anche la nostra lingua in alcuni Stati è considerata minoritaria e degna di tutela. Tra i Paesi che hanno già provveduto a ratificare la Carta e nei quali l’Italiano è considerata lingua minoritaria protetta figurano la Bosnia-Erzegovina, la Slovenia, la Croazia, la Svizzera e la Romania.

C’è da sottolineare – come è stato ricordato nella seduta congiunta delle due commissioni di Palazzo Madama – che l’Italia, in ogni caso, pur non avendo ancora proceduto alla ratifica della Carta, dispone di una legislazione nazionale particolarmente avanzata in materia di tutela di alcune minoranze linguistiche storiche, e ciò in attuazione dell’articolo 6 della Costituzione.

Ora i due relatori del disegno di legge di ratifica – Laura Garavini per la commissione Esteri e Gianclaudio Bressa per gli Affari Costituzionali – procederanno alla messa a punto di un testo base di riferimento e contemporaneamente verrà stilata una lista di personalità da sentire.

I primi 80 anni del Manifesto di Ventotene
Cultura
IL CONTRIBUTO

I primi 80 anni del Manifesto di Ventotene

Nell’estate del 1941, mentre l’armata tedesca dilagava nell’Unione Sovietica, tre uomini, confinati sulla piccola isola italiana, Altiero Spinelli, Ernesto Rossi, Eugenio Colorni, solitari combattenti contro la dittatura del Duce, raccolgono in un programma di azione le riflessioni sul futuro di quell’Europa del dopoguerra