HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
Intelligenza artificiale, raccolta firme dei cittadini UE contro sorveglianza biometrica
Il logo dell'iniziativa "Reclaim your face"

Intelligenza artificiale, raccolta firme dei cittadini UE contro sorveglianza biometrica

Al via l'iniziativa per spingere la Commissione su posizioni più decise contro gli usi indiscriminati e di massa della biometria. Reclaim your face è un progetto di una rete di organizzazioni guidata dall'European Digital Rights

Bruxelles – Una coalizione di 40 associazioni e organizzazioni digitali e per i diritti umani, guidate dall’European Digital Rights (EDRi), ha lanciato un’iniziativa dei cittadini europei contro la sorveglianza biometrica di massa (qui il link all’iniziativa registrata dalla Commissione UE).

Dopo l’approvazione da parte dell’esecutivo UE dell’iniziativa Reclaim your face dello scorso 7 gennaio, l’obiettivo della rete di organizzazioni è quello di raccogliere tra i cittadini comunitari un sostegno sufficiente (fissato a un milione di firme) per spingere la Commissione ad adottare una posizione più decisa contro l’uso delle tecnologie di sorveglianza biometrica. 

“Chiediamo alla Commissione di vietare, nel diritto e nella pratica, gli usi indiscriminati o tendenziosi della biometria che possono sconfinare in attività di sorveglianza di massa illecita”, si legge nel testo dell’iniziativa. “Simili sistemi intrusivi non devono essere sviluppati, messi in funzione (nemmeno a titolo sperimentale) o usati da soggetti pubblici o privati”, dal momento in cui “possono interferire, senza che sia necessario o in misura sproporzionata, con i diritti fondamentali delle persone“.

ARTICOLI CORRELATI

Diritti di riders e lavoratori digitali, il Parlamento europeo è pronto per i negoziati con i Paesi membri
Digital

Diritti di riders e lavoratori digitali, il Parlamento europeo è pronto per i negoziati con i Paesi membri

Contrastare i "falsi autonomi", arginare il potere decisionale degli algoritmi e obbligare le piattaforme digitali a una maggiore trasparenza. Il Parlamento Ue ha approvato la propria posizione negoziale sulle misure per migliorare le condizioni di lavoro dei Gig workers. La relatrice Gualmini (Pd): "Oggi vincono gli interessi di 28 milioni di lavoratori"