Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Recovery plan Brexit Coronavirus
Tassa CO2 sulle importazioni alle frontiere, Gentiloni:

Tassa CO2 sulle importazioni alle frontiere, Gentiloni: "Misura climatica, non è protezionismo"

Parlamento europeo al voto sullo strumento finanziario per fissare un prezzo sulle importazioni ad alta intensità di carbonio, in attesa della proposta legislativa che la Commissione Europea dovrebbe presentare a giugno. Per i legislatori si deve partire entro il 2023 con i settori energetico e industriale ad alta intensità come quelli del cemento, dell'acciaio, dei prodotti chimici e dei fertilizzanti
ISCRIVITI E LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI
Sostieni il giornalismo di qualità, abbonati a Eunews.
ACCEDI

ARTICOLI CORRELATI

Tassa sul carbonio alle frontiere, Timmermans:
Economia

Tassa sul carbonio alle frontiere, Timmermans: "Necessaria per evitare concorrenza sleale tra imprese"

Il vicepresidente esecutivo per il Green Deal al webinar del Jacques Delors Institute e gruppo Brunswick ricorda l'importanza di creare una sinergia tra pubblico e privato per "reindirizzare gli investimenti verso un'economia europea più verde". Imprese, società civile e tutte le altre parti interessate dovranno essere coinvolte nella legislazione climatica che Bruxelles pubblicherà quest'anno
Tassa sul carbonio alle frontiere, il Parlamento chiede un prezzo sulle emissioni importate entro il 2023
Economia

Tassa sul carbonio alle frontiere, il Parlamento chiede un prezzo sulle emissioni importate entro il 2023

I deputati della commissione per l'Ambiente prendono posizione sul meccanismo di adeguamento alle frontiere del carbonio, lo strumento finanziario che la Commissione Europea vuole proporre a giugno per fissare un prezzo sulle importazioni ad alta intensità di carbonio. Voto in plenaria atteso a marzo. Per i legislatori si deve partire con i settori energetico e industriale ad alta intensità energetica come quelli del cemento, dell'acciaio, dei prodotti chimici e dei fertilizzanti
Mari puliti, Commissione UE apre la consultazione per la revisione della direttiva ambiente marino
Green Economy

Mari puliti, Commissione UE apre la consultazione per la revisione della direttiva ambiente marino

Ottenere una protezione "più efficace dell'ambiente marino consentendo un uso sostenibile dei mari e degli oceani dell'UE", l'obiettivo di Bruxelles. Aggiornamento previsto per il primo trimestre 2023, tenendo conto di carenze e aree con margine di miglioramento individuate nel rapporto sull'attuazione della strategia negli Stati membri. La consultazione è aperta ai contributi fino al 6 maggio