HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Gentiloni, appello ai governi:

Gentiloni, appello ai governi: "Usate anche i prestiti del recovery fund"

Il commissario per l'Economia invita a considerare di anche la parte non a fondo perduto dello strumento finanziario per la ripresa. "L'impatto sul rilancio sarà maggiore"

Bruxelles – Usare anche i soldi a prestito per ridare pieno slancio alle economie nazionali e, di conseguenza, a quella europea nel suo complesso. Il commissario per l’Economia, Paolo Gentiloni, ricorda ai governi che il meccanismo per la sua ripresa, con il suo recovery fund, non prevede solo garanzie ma pure risorse concesse a credito che sono lì per chi ne ha bisogno. “Finora solo uno dei potenziali stati beneficiari ha espresso l’intenzione di non fevi uso”, dice al termine della riunione dell’Eurogruppo. “Stiamo incoraggiando gli altri a utilizzarli”.

Il meccanismo per la ripresa, Next Generation EU, vale 750 miliardi di euro. Il grosso di queste risorse si trova nel recovery fund, 672,5 miliardi di euro divisi tra soldi a fondo perduto (312,5 miliardi) e soldi concessi a credito (360 miliardi). Questa seconda componente dello speciale strumento finanziario anti-pandemia a oggi risulta ignorata, e Gentiloni invita a prenderla in considerazione. “Capiamo la cautela dovuta al fatto che queste risorse aumentano il debito e innescano delle condizionalità, ma incoraggiamo i Paesi farne uso perché riteniamo che in questo modo l’impatto del fondo per la ripresa sarà maggiore, anche se impegnativo”.

ARTICOLI CORRELATI

Stretta Ue sugli imballaggi, la Commissione propone obiettivi di riuso per ridurre i rifiuti e rassicura l'Italia:
Economia

Stretta Ue sugli imballaggi, la Commissione propone obiettivi di riuso per ridurre i rifiuti e rassicura l'Italia: "Molto è stato fatto, ma vogliamo di più"

Nel quadro del pacchetto sull'economia circolare, la Commissione propone la controversa revisione della direttiva imballaggi che ha destato preoccupazione in Italia. Il vice presidente Timmermans in italiano chiarisce che “nessuno vuole mettere fine alle pratiche di riciclo che funzionano bene o mettere in pericolo gli investimenti”