HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Dal Senato sì definitivo alla legge di delegazione europea. Italia tra i primi a recepire la direttiva sul copyright
dav

Dal Senato sì definitivo alla legge di delegazione europea. Italia tra i primi a recepire la direttiva sul copyright

Recepirà 39 direttive europee tra cui il rafforzamento della presunzione d'innocenza e le norme sul diritto d'autore. Contrari solo Fratelli d'Italia.

Roma – Voto definitivo ieri con la terza lettura al Senato della legge di delegazione europea 2019. I sì sono stati 215, 19 i voti contrari di Fratelli d’Italia. Il testo è passato con l’unica modifica che era stata approvata dalla Camera con il recepimento della direttiva che rafforza alcuni aspetti della presunzione d’innocenza e della presenza dell’imputato al processo penale.

Nel testo definitivo è stato adottato il passaggio che vincola l’autorità giudiziaria a non presentare una persona come colpevole finché non sia stata provata la sua responsabilità. la sua responsabilità non sia stata legalmente provata.

La legge con cui l’Italia si adegua all’ordinamento di Bruxelles, prevede l’attuazione di 39 direttive e l’adeguamento a 16 regolamenti europei. Tra i più significativi quello sul diritto d’autore i cui dettagli dovranno però ora essere definiti dai decreti attuativi entro il 7 giugno.

“Siamo tra i primi in Europa a legiferare sulla direttiva relativa al copyright, un giusto equilibrio fra diritti degli utenti, esigenze delle piattaforme e sostegno dell’editoria” ha commentato il sottosegretario agli Affari europei Enzo Amendola.

ARTICOLI CORRELATI

Figli di coppie gay e adozioni, per la Commissione Ue il legame di genitorialità va riconosciuto in tutti gli Stati membri
Politica

Figli di coppie gay e adozioni, per la Commissione Ue il legame di genitorialità va riconosciuto in tutti gli Stati membri

Il commissario Ue per la Giustizia, Didier Reynders, ha presentato la proposta per armonizzare le norme "a tutela dei diritti dei minori" nelle famiglie in situazioni transfrontaliere: se uno Stato membro stabilisce la genitorialità, tutti gli altri Paesi Ue dovranno riconoscerla, a prescindere dall'orientamento sessuale dei genitori e dal modo in cui viene concepito il figlio