HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
Pesticidi, vendite in calo nell'UE nel 2019. In Danimarca e Italia la flessione maggiore rispetto al 2011

Pesticidi, vendite in calo nell'UE nel 2019. In Danimarca e Italia la flessione maggiore rispetto al 2011

Dati Eurostat: 333.500 tonnellate di pesticidi venduti nel 2019, in calo del 6% rispetto al 2018. Fungicidi e battericidi i più diffusi. In Italia la contrazione più importante rispetto al 2011 (oltre il 20%), ma rimane uno dei quattro Paesi UE con il maggior volume di vendite (con Spagna, Francia e Germania)

Bruxelles – La vendita dei pesticidi nell’UE è diminuita del 6 per cento nel 2019 rispetto al 2018, toccando i minimi dal 2011 quando è iniziata la raccolta dei dati. L’Italia è il secondo Paese in UE ad aver registrato il calo più importante (oltre il 20%), seconda solo alla Danimarca (-42%) e seguita da Portogallo , Cechia, Svezia e Romania (tutti sopra il 20%). Questa l’ultima analisi raccolta da Eurostat, l’ufficio statistico dell’UE, sulle vendite dei pesticidi relative al 2019, un indicatore che Bruxelles utilizza per misurare anche i livelli del consumo di queste sostanze attive. Le vendite di pesticidi sono rimaste più o meno stabili a circa 360mila tonnellate all’anno nell’UE dal 2011, ma nel 2019 è stato registrato il volume totale venduto più basso dall’inizio della raccolta dei dati, ovvero 333.500 tonnellate (-6 per cento). 

Nonostante il calo registrato dall’Italia, la Penisola rimane uno dei quattro Paesi dell’UE (insieme a Spagna, Germania, Francia) che hanno registrato i volumi di vendita più elevati, soprattutto perché sono anche i principali produttori agricoli dell’UE. L’aumento più elevato delle vendite di pesticidi è stato registrato invece a Cipro (+ 101%), seguita da Lettonia (+ 54%), Austria (+ 44%) e Polonia (+ 11%). Quanto alle categorie di pesticidi venduti, i volumi di vendita più elevati nel 2019 – spiega Eurostat – si sono registrati per “Fungicidi e battericidi” (40 per cento del totale), seguiti da “Erbicidi, distruttori di stoppia e moss killers” (33 per cento) e “Insetticidi e acaricidi” ‘(13 per cento).

ARTICOLI CORRELATI

Farm to Fork, gli eurodeputati chiedono più ambizione per il comparto della pesca
Agricoltura

Farm to Fork, gli eurodeputati chiedono più ambizione per il comparto della pesca

Adottato il parere della commissione per la Pesca del Parlamento europeo sulla strategia della filiera agroalimentare. Disappunto per la scarsa importanza attribuita al comparto e richiesta di migliorare il sistema di etichettatura di tutti i prodotti della pesca e dell'acquacoltura a livello europeo per "rafforzare il valore dei prodotti sostenibili e i diritti dei consumatori"