Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Elezioni 2022 Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Alimentazione e Allevamento: chi decide il futuro per l'Europa? Il nuovo SmartEvent di Eunews

Alimentazione e Allevamento: chi decide il futuro per l'Europa? Il nuovo SmartEvent di Eunews

Mercoledì 5 maggio alle ore 15.00 in diretta ZOOM

Bruxelles – “Alimentazione e Allevamento: chi decide il futuro per l’Europa? La strategia Farm to Fork stabilisce i principi generali per il futuro del nostro sistema alimentare, ma su quali basi?”. E’ il tema del nuovo SmartEvent organizzato da Eunews in collaborazione con Carni Sostenibili e European Livestock Voice, per mercoledì 5 maggio alle ore 15.00 in diretta ZOOM.

L’avvio della transizione ecologica rende necessario riflettere sul ruolo delle filiere zootecniche nella strategia Farm to Fork. Il webinar nasce con l’obiettivo di presentare i  progressi già compiuti nella produzione agroalimentare europea evidenziando i cambiamenti necessari e la necessità di un approccio equilibrato che possa effettivamente portare a soddisfare i requisiti del Farm to Fork e del Green Deal. La filiera europea legata alla produzione di proteine animali si unisce per avviare un dialogo con le istituzioni europee su questo tema, nell’interesse comune di agricoltori e consumatori europei.

Interverranno Claire Bury, Commissione Ue, Direttrice generale aggiunta DG SANTE, Luigi Scordamaglia, Presidente Assocarni, Herbert Dorfmann, Deputato europeo, commissione AGRI, Pekka Pesonen, Segretario generale Copa-Cogeca. Modererà Angelo Di Mambro, corrispondente da Bruxelles per Ansa e Informatore agrario.

L’evento sarà in italiano e inglese, chi è interessato può accreditarsi al link https://www.eunews.it/eventi/foodfarming

Qui il video appello lanciato dalla filiera zootecnica europea “I 9 paradossi del Farm to Fork”.

Bruxelles mette in pausa la rotazione delle colture per aumentare la produzione di cereali
Agricoltura

Bruxelles mette in pausa la rotazione delle colture per aumentare la produzione di cereali

Adottata la deroga temporanea alle norme sulla rotazione delle colture e sul mantenimento di elementi non produttivi sui terreni coltivabili per aumentare la capacità produttiva dell'Ue per i cereali destinati ai prodotti alimentari. Bruxelles stima di poter riportare in produzione 1,5 milioni di ettari rispetto ad oggi, gli Stati e gli agricoltori potranno decidere se farvi ricorso