HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
Acquacoltura a basso impatto ambientale, l'UE adotta linee guida per la sostenibilità

Acquacoltura a basso impatto ambientale, l'UE adotta linee guida per la sostenibilità

"L'acquacoltura riveste un ruolo sempre più rilevante nel sistema alimentare europeo", spiega il commissario europeo per l'Ambiente e gli Oceani, Virginijus Sinkevičius, secondo cui il settore "può offrire alimenti sani con un'impronta climatica e ambientale inferiore a quella delle attività di produzione terrestri"

Bruxelles – Rendere più sostenibile l’economia blu europea passa anche per l’acquacoltura a basso impatto ambientale. Con il suo nuovo “approccio per un’economia blu sostenibile nell’UE: Trasformare l’economia blu dell’UE per un futuro sostenibile”, adottato oggi (17 maggio), la Commissione Europea include tra gli obiettivi quello di sviluppare una “produzione sostenibile” dei prodotti ittici e nuove norme per la loro commercializzazione in Europa, l’uso di alghe e piante marine, un controllo più rigido della pesca nei mari dell’Unione europei. L’acquacoltura è l’allevamento di organismi acquatici, principalmente pesci, crostacei e molluschi, ma anche la produzione di alghe, in ambienti confinati e controllati dall’uomo.

L’UE affianca al piano una serie di orientamenti strategici destinati agli Stati membri con cui si impegna a sviluppare un’acquacoltura sostenibile nell’UE, per farla contribuire agli obiettivi verdi del Green Deal europeo e in particolare alla strategia “Dal produttore al consumatore”, la Farm to Fork, adottata a marzo di un anno fa, che riguarda la filiera agroalimentare.  Le linee guida strategiche identificano 13 aree in cui è necessario ulteriore lavoro per promuovere la sostenibilità e la competitività del comparto che vanno dalla promozione dell’uso di fonti energetiche rinnovabili a una maggiore efficienza energetica, a sistemi di gestione dei rifiuti che riducano al minimo l’impatto ambientale delle attività, a un approccio di economia circolare. Il piano europeo nasce dalla convinzione che tutti i settori dell’economia blu, compresi la pesca, l’acquacoltura, il turismo costiero, i trasporti marittimi, le attività portuali e la costruzione navale, possano “ridurre il proprio impatto ambientale e climatico”. “L’acquacoltura riveste un ruolo sempre più rilevante nel sistema alimentare europeo”, ha spiegato in conferenza stampa il commissario europeo per l’Ambiente e gli Oceani, Virginijus Sinkevičius. “Il settore può offrire alimenti sani con un’impronta climatica e ambientale generalmente inferiore a quella delle attività di produzione terrestri”.

ARTICOLI CORRELATI

Stretta Ue sui pesticidi per proteggere gli impollinatori
Agricoltura

Stretta Ue sui pesticidi per proteggere gli impollinatori

La Commissione europea ha adottato nuove norme per abbassare i livelli massimi di residui (LMR) di due pesticidi negli alimenti, due sostanze chimiche, appartenenti al gruppo dei pesticidi neonicotinoidi, clothianidin e thiamethoxam, appartenenti al gruppo dei pesticidi neonicotinoidi