HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
L'Italia chiede un meccanismo comune per i rimpatri. Lamorgese e Johansson in missione a Tunisi

L'Italia chiede un meccanismo comune per i rimpatri. Lamorgese e Johansson in missione a Tunisi

La ministra dell'Interno risponde al Comitato Schengen sulla politica migratoria. Per il nuovo patto sull'asilo serve ancora tempo e l'UE deve riconoscere la specificità delle frontiere italiane

Roma – In Europa “serve un meccanismo comune anche per i rimpatri”. La ministra dell’Interno Luciana Lamorgese spiega in audizione in Parlamento al Comitato di controllo Schengen, la strategia dei migranti. Un aspetto su cui si è confrontata già con la Commissaria europea agli Affari interni Ylva Johansson e che sarà in agenda giovedì 20 quando insieme voleranno in Tunisia per incontrare il presidente Kais Saied, e il primo ministro, Hichem Mechichi. Saranno affrontate anche le questioni del partenariato UE-Tunisia, della migrazione irregolare, il rafforzamento della lotta contro il traffico di migranti, e per l’appunto i rimpatri.

Mentre è riesplosa l’emergenza di Ceuta e nella rotta dalla Libia si registra a maggio il picco degli sbarchi, la ministra Lamorgese ha detto che si sta lavorando a un protocollo per un nuovo patto di asilo. “Il pacchetto finora proposto non è soddisfacente per l’Italia” e per giungere a un’intesa e limare tutti gli aspetti “sarà necessario ancora tempo”.

Per l’Italia è necessario che venga riconosciuta la specificità della gestione delle frontiere marittime, con un sistema di ricollocamento almeno dei migranti salvati in mare nel corso delle operazioni Sar e l’equilibrio fondamentale tra responsabilità nella gestione delle frontiere esterne dell’Unione e solidarietà degli Stati membri. Tutto in una “logica di pacchetto” che mantenga connessi tutti gli aspetti.

Approccio comune anche nel meccanismo dei rimpatri: “Chi non ha titolo per entrare nel nostro Paese deve essere rimpatriato ma l’attuazione di questo principio è resa difficile dalla complessità tecnica della procedura” ha spiegato Lamorgese che sollecita l’UE a negoziare nuovi accordi con i singoli Paesi anche con un sostegno finanziario.

Per rafforzare la cooperazione operativa in questo frangente, “l’Italia, negli ultimi anni, ha condotto specifici negoziati con i Paesi d’origine”. Accordi che prevedono anche l’invio dei funzionari dei singoli Stati per collaborare con le autorità italiane nelle procedure di identificazione dei migranti irregolari. Per ora i Paesi coinvolti sono Costa d’Avorio, Gambia, Guinea, Nigeria e Senegal.

ARTICOLI CORRELATI

Figli di coppie gay e adozioni, per la Commissione Ue il legame di genitorialità va riconosciuto in tutti gli Stati membri
Politica

Figli di coppie gay e adozioni, per la Commissione Ue il legame di genitorialità va riconosciuto in tutti gli Stati membri

Il commissario Ue per la Giustizia, Didier Reynders, ha presentato la proposta per armonizzare le norme "a tutela dei diritti dei minori" nelle famiglie in situazioni transfrontaliere: se uno Stato membro stabilisce la genitorialità, tutti gli altri Paesi Ue dovranno riconoscerla, a prescindere dall'orientamento sessuale dei genitori e dal modo in cui viene concepito il figlio