HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
Sicurezza informatica, prorogato al 18 maggio 2022 il quadro di sanzioni europee per gli attacchi hacker

Sicurezza informatica, prorogato al 18 maggio 2022 il quadro di sanzioni europee per gli attacchi hacker

La decisione del Consiglio dell'UE per prolungare le misure restrittive nei confronti di persone o entità coinvolte in attività informatiche minacciose per l'UE o gli Stati membri: congelamento dei beni, divieto di viaggi e impossibilità di accedere a fondi europei

Bruxelles – Sarà in vigore almeno fino al 18 maggio 2022 il quadro di misure restrittive contro gli attacchi informatici che minacciano l’Unione Europea o i suoi Stati membri, dopo la decisione del Consiglio dell’UE di prorogarlo per un altro anno.

Attraverso questo pacchetto di strumenti, l’UE può imporre misure restrittive mirate nei confronti di persone o entità coinvolte in attacchi hacker che costituiscono una minaccia esterna “significativa” per l’Unione nel suo complesso o per i suoi Stati membri. La stessa decisione e le stesse misure possono essere adottate anche in risposta ad attacchi informatici nei confronti di Stati terzi o organizzazioni internazionali, nell’ambito della difesa degli obiettivi della Politica estera e di sicurezza comune (PESC).

Le sanzioni prevedono il congelamento dei beni e il divieto di viaggi, oltre all’impossibilità per cittadini e organizzazioni comunitarie di mettere fondi a disposizione dei soggetti inseriti nell’elenco. Attualmente sono otto le persone e quattro le entità oggetto di questo tipo di sanzioni.

Quest’ultima proroga si colloca nell’ambito del quadro europeo tracciato il 17 maggio 2019, per il potenziamento della capacità di prevenzione, dissuasione, deterrenza e risposta dell’UE nei confronti delle attività informatiche dolose. Gli obiettivi sono quelli di salvaguardare la sicurezza dei cittadini europei e di favorire un cyberspazio globale, aperto, stabile, pacifico e sicuro.

ARTICOLI CORRELATI

Diritti di riders e lavoratori digitali, il Parlamento europeo è pronto per i negoziati con i Paesi membri
Digital

Diritti di riders e lavoratori digitali, il Parlamento europeo è pronto per i negoziati con i Paesi membri

Contrastare i "falsi autonomi", arginare il potere decisionale degli algoritmi e obbligare le piattaforme digitali a una maggiore trasparenza. Il Parlamento Ue ha approvato la propria posizione negoziale sulle misure per migliorare le condizioni di lavoro dei Gig workers. La relatrice Gualmini (Pd): "Oggi vincono gli interessi di 28 milioni di lavoratori"