HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
COVID, i leader UE vogliono anticipare l'uso del certificato digitale a metà giugno
I presidenti di Commissione e Consiglio europeo, Ursula von der Leyen e Charles Michel

COVID, i leader UE vogliono anticipare l'uso del certificato digitale a metà giugno

I capi di Stato e di governo saluta l'accordo e guardano oltre. Michel: "Riteniamo che il processo si possa accelerare". Von der Leyen: "Ma dipenderà dagli Stati e dalla loro capacità di raccogliere le informazioni"

Bruxelles – L’UE prova a riconquistare la libera circolazione in tempi di pandemia prima del previsto, con 15 giorni di anticipo rispetto al preventivato. Il vertice straordinario dei capi di Stato e di governo dà il via libera formale all’accordo inter-istituzionale raggiunto tra Consiglio e Parlamento per l’introduzione di un certificato digitale UE per il COVID, quale strumento necessario per spostarsi all’interno dell’area Schengen senza restrizioni, e preme per una sua “rapida attuazione”. Attuazione rapida vuol dire “metà giugno“, fata fissata nelle conclusioni per modificare le raccomandazioni per gli spostamenti interni all’UE e gli Stati associati al sistema di libera circolazione (Norvegia, Islanda, Svizzera, Liechtenstein).

“L’infrastruttura informativa sarà pronta l’1 giugno”, ricorda la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, nella conferenza stampa di fine lavori. “Da metà giugno, quando il regolamento sul certificato entrerà in funzione, gli Stati membri potranno connettersi al sistema”. Von der Leyen insiste sulla natura nazionale della misura, perché “gli Stati membri avranno il compito di fare in modo che i sistemi sanitari nazionali siano alimentati dalle informazioni” su vaccinazione, tamponi, e guarigione delle persone che dovranno avere il certificato.

Avanti dunque a ritmi serrati, con l’obiettivo di tornare alla normalità prima dell’1 luglio, data fissata dall’accordo inter-istituzionale sul certificato digitale. “Riteniamo che il processo si possa accelerare“, e per questo “abbiamo fissato la nostra ambizione a metà giugno”, ammette Charles Michel. Il presidente del Consiglio europeo invita poi a non abbassare la guardia. Sul tema COVID con i leader “abbiamo espresso un ottimismo prudente”. E’ vero, dice il belga, che ci sono progressi, ma restano anche varianti e mutazioni del virus con cui dover fare i conti.

ARTICOLI CORRELATI

Green Pass, al via la sperimentazione con l'Italia, mentre l'UE spera in un accordo politico in settimana
Cronaca

Green Pass, al via la sperimentazione con l'Italia, mentre l'UE spera in un accordo politico in settimana

Francia, Austria, Svezia, Lussemburgo, Croazia, Spagna, Belgio, Paesi Bassi hanno già testato l'infrastruttura digitale alla base del Certificato verde digitale per i viaggi in Europa. Da questa settimana toccherà anche all'Italia con Malta, Estonia, Bulgaria, Lituania, Germania, Repubblica ceca, Danimarca, Cipro, Grecia. Il pass è "sulla buona strada per il lancio a giugno", sostiene la Commissione UE, ma serve prima chiudere i negoziati tra Parlamento e Consiglio