HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
Transizione digitale, endorsement del Parlamento UE al nuovo centro europeo di sicurezza informatica a Bucarest
Il Palazzo del Parlamento di Bucarest

Transizione digitale, endorsement del Parlamento UE al nuovo centro europeo di sicurezza informatica a Bucarest

La nuova struttura riunirà competenze ed esperienze nel settore della cybersicurezza, fornendo sostegno finanziario a progetti innovativi di start-up e PMI: "Fondamentale garantire alti livelli di innovazione quando le nostre attività si svolgono online"

Bruxelles – A un mese dal via libera del Consiglio dell’UE al centro europeo sulla sicurezza informatica che avrà sede a Bucarest, anche il Parlamento UE ha sostenuto la necessità per l’Unione di dotarsi di un punto di riferimento per la cybersicurezza.

Per l’eurodeputato responsabile del rapporto, Rasmus Andresen (Verdi/ALE), “soprattutto in tempi in cui gran parte delle nostre attività quotidiane si svolgono online, diventa ancora più importante garantire alti livelli di innovazione” in questo settore. La nuova struttura garantirà che “tutte le preziose competenze esistenti in Europa” (istituti di ricerca, piccole e medie imprese, start-up, organizzazioni non governative) siano “incluse nel processo di decisione delle priorità di ricerca europee“. Allo stesso tempo, come sottolinea l’eurodeputato tedesco, è necessario fare sì che “tutti gli Stati membri investano collettivamente di più in questo settore cruciale”.

Il nuovo centro di competenza con sede a Bucarest avrà il compito di riunire le competenze nella ricerca sulla sicurezza informatica, ma anche le esperienze delle diverse comunità nazionali, fornendo sostegno finanziario a progetti innovativi di start-up e PMI attraverso i fondi stanziati dai programmi Horizon Europe e Digital Europe.

ARTICOLI CORRELATI

Diritti di riders e lavoratori digitali, il Parlamento europeo è pronto per i negoziati con i Paesi membri
Digital

Diritti di riders e lavoratori digitali, il Parlamento europeo è pronto per i negoziati con i Paesi membri

Contrastare i "falsi autonomi", arginare il potere decisionale degli algoritmi e obbligare le piattaforme digitali a una maggiore trasparenza. Il Parlamento Ue ha approvato la propria posizione negoziale sulle misure per migliorare le condizioni di lavoro dei Gig workers. La relatrice Gualmini (Pd): "Oggi vincono gli interessi di 28 milioni di lavoratori"