HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
Export, aumento capacità produttiva e licenze obbligatorie: la proposta UE all'OMC su vaccini e terapie anti-COVID

Export, aumento capacità produttiva e licenze obbligatorie: la proposta UE all'OMC su vaccini e terapie anti-COVID

La controproposta di Bruxelles alla richiesta di Joe Biden di sospendere i brevetti sui vaccini che sarà discussa a luglio nel quadro dell'Organizzazione mondiale della Sanità. Libero export e aumento della capacità in loco devono essere prioritarie per garantire equo accesso ai vaccini anche ai Paesi in via di sviluppo

Bruxelles – Garantire che non ci siano restrizioni all’esportazione dei vaccini; espansione della capacità produzione delle aziende farmaceutiche a breve termine, anche attraverso impegni da parte di produttori e sviluppatori di vaccini ma soprattutto facilitazione per l’uso delle licenze obbligatorie nel quadro l’accordo TRIPS (Trade Related aspects of Intellectual Property Rights) dell’Organizzazione mondiale della Sanità. Si fonda su questi tre pilastri la proposta avanzata oggi (4 giugno) dall’UE all’OMC per un piano d’azione commerciale multilaterale per espandere la produzione di vaccini e anche terapie per il COVID-19 e “garantirne un accesso universale ed equo”.

Joe Biden

La risposta dell’UE alla proposta lanciata qualche settimana fa dall’amministrazione statunitense di Joe Biden di sospendere temporaneamente la deroga dei brevetti sui vaccini per consentirne la produzione anche fuori dai Paesi ricchi in cui attualmente vengono prodotti. Già nel 2020 alcuni Paesi come India e Sud Africa hanno chiesto una rinuncia ai diritti di proprietà intellettuale per i vaccini COVID-19 e altri trattamenti per affrontare la “disuguaglianza” nell’accesso ai vaccini. A maggio è arrivato l’endorsement di Biden, costringendo anche l’Unione Europea a parlarne.

Bruxelles si dice disposta a discutere di tutte le proposte che saranno avanzate in sede di OMC, ma è convinta che la deroga sui brevetti non sia la risposta giusta se il problema è garantire l’accesso ai vaccini ai Paesi a basse e medio reddito sul breve periodo. La produzione di un vaccino è complessa, non solo non può essere improvvisata (soprattutto nei Paesi in via di sviluppo) ma non può nemmeno essere costruita dalla mattina alla sera. Tra l’altro, diversi vaccini prodotti in Europa – BioNTech-Pfizer e Moderna – utilizzano tecnologie molto innovative a mRNA che è difficile da replicare dall’oggi al domani. Per questo sostiene che la sola deroga delle formule brevettate, senza il necessario trasferimento di competenze per produrre il vaccino (il cosiddetto know-how) rischia di essere non risolutivo.

Bruxelles arriverà alla prossima riunione di luglio dell’OMC con una propria controproposta suddivisa in due comunicazioni, anche se la discussione dovrebbe concludersi, al più tardi, entro la prossima conferenza ministeriale dell’OMC nel novembre 2021. Nelle linee programmatiche era stata già anticipata dal vicepresidente per il Commercio Valdis Dombrovskis, di fronte all’Europarlamento. L’UE insiste sulla necessità di limitare le restrizioni all’esportazione (Bruxelles ha esportato 250 milioni di dosi, cifre non comparabili con quelle statunitensi) ed espandere la produzione sia di vaccini che cure, anche in loco con assistenza ai Paesi in via di sviluppo con la collaborazione delle case farmaceutiche. Ma entra anche nel merito della proprietà intellettuale che riguarda la produzione dei vaccini, inviando una comunicazione separata all’organismo dell’OMC incaricato di attuare l’accordo sugli aspetti dei diritti di proprietà intellettuale attinenti al commercio (Consiglio TRIPS).

L’accordo TRIPS (Trade Related aspects of Intellectual Property Rights) è uno dei pilastri dell’Organizzazione Mondiale del Commercio per quanto riguarda la proprietà intellettuale e regola alcuni principi per tutelare le innovazioni, i brevetti e, appunto, le cessioni di licenze. Il piano dell’UE mette in evidenza che in momenti di emergenza – come una pandemia – le regole già esistenti dell’OMC nell’accordo TRIPS mostrano flessibilità che consente ai paesi di concedere licenze ai produttori anche senza il consenso di chi ha registrato il brevetto (le cosiddette licenze obbligatorie). L’UE specifica che le licenze volontarie per produrre vaccini (quelle in cui è l’azienda a dare il consenso) sono lo strumento più efficace per facilitare l’aumento della produzione e condividere il ‘know-how’, ma le licenze obbligatorie sono uno strumento perfettamente legittimo nel contesto di una pandemia”. Per cui la proposta dell’UE si gioca su questa flessibilità chiedendo a “ogni membro dell’OMC di assicurare che il proprio quadro giuridico sulle licenze obbligatorie sia efficace e che la comunità internazionale faciliti tali azioni”.

Una risposta a Biden, che però non ha ancora presentato una proposta formale sulla deroga sui brevetti. Dopo le velate accuse dell’UE sul fatto di non aver esportato neanche una dose di vaccino, l’Amministrazione USA ha annunciato che donerà 25 milioni di vaccini ai paesi a basso e medio reddito, oltre che ad alcuni partner, per contribuire alla vaccinazione globale. Non è chiaro se al vertice di luglio continuerà a insistere sulla sospensione o si troverà d’accordo con la proposta di Bruxelles.

Brevetti al voto del Parlamento

Intanto, una buona parte dell’Europarlamento ha una visione molto diversa da quella della Commissione Europea e spinge per una sospensione dei brevetti. Sarà uno dei temi caldi alla sessione plenaria che si terrà la prossima settimana (7-10 giugno) a Strasburgo. I deputati voteranno se l’UE debba chiedere all’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) di rinunciare ai diritti di proprietà intellettuale per i vaccini COVID-19, e il risultato non è scontato visto come è andato il dibattito durante la sessione di maggio.

ARTICOLI CORRELATI

Global Health Summit, dai leader G20 impegno per risorse e dosi di vaccini ai Paesi poveri.
Politica

Global Health Summit, dai leader G20 impegno per risorse e dosi di vaccini ai Paesi poveri. "Azione globale coordinata per fermare la crisi"

Le più grandi e ricche economie al mondo cercano di affrontare in concreto il problema delle disuguaglianze sanitarie e di distribuzione dei vaccini che sono emerse più forti di fronte alla pandemia. "La disparità nella distribuzione dei vaccini nel mondo persiste, questo è un fallimento per l'intera umanità", denuncia l'OMS. Bruxelles pronta a proporre una 'terza via europea' sulle licenze dei vaccini
Vaccini, Parlamento UE spaccato sulla deroga ai brevetti. Dombrovskis:
Politica

Vaccini, Parlamento UE spaccato sulla deroga ai brevetti. Dombrovskis: "Licenze obbligatorie legittime durante una pandemia"

Il primo dibattito in plenaria sulla potenziale sospensione dei brevetti restituisce l'immagine di un'Aula frammentata, con S&D, Verdi, Sinistra e Movimento 5 stelle che spingono per la deroga mentre le destre sono più caute. A giugno una risoluzione, mentre la Commissione europea si prepara a presentare la sua proposta all'Organizzazione mondiale del commercio per fruttare la flessibilità dell'accordo TRIPS sulla proprietà intellettuale
Deroga brevetti, leader UE rispondono a Biden:
Politica Estera

Deroga brevetti, leader UE rispondono a Biden: "Vaccini servono ora, via il blocco sulle esportazioni"

"L'export di dosi è il modo migliore per risolvere l'urgente problema dell'assenza di vaccini nel mondo", ha chiarito la presidente della Commissione von der Leyen. L'Unione Europea "è l'unica regione democratica che produce su larga scala ed esporta su larga scala", ha puntualizzato al termine del Summit UE di Oporto, invitando anche gli Stati Uniti a fare lo stesso
Meloni si prepara al Consiglio Ue straordinario: Flessibilità risorse e fondo sovrano
Politica

Meloni si prepara al Consiglio Ue straordinario: Flessibilità risorse e fondo sovrano

Prudenza sulla modifica del regime degli aiuti di Stato, perseveranza nel dialogo transatlantico e flessibilità sull'uso delle risorse esistenti. E' la ricetta che Giorgia Meloni porta al Consiglio Ue straordinario domani e venerdì 10 febbraio per tamponare le ricadute dell'Inflation Reduction Act statunitense sull'Europa. L'attenzione di Roma è a evitare che si creino fratture e divari all'interno del mercato unico