HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
Bussola Digitale 2030, Commissione UE apre ai commenti di cittadini e imprese su strumenti per raggiungere gli obiettivi

Bussola Digitale 2030, Commissione UE apre ai commenti di cittadini e imprese su strumenti per raggiungere gli obiettivi

La consultazione, accompagnata da un forum di discussione, rimarrà aperta fino al 3 agosto. Le opinioni serviranno a preparare il prossimo programma politico e aggiornare il quadro normativo

Bruxelles – Sarà aperta fino al 3 agosto la consultazione della Commissione Europea per raccogliere commenti sulla Bussola Digitale 2030, la strategia dell’esecutivo UE per il decennio digitale presentata lo scorso 9 marzo.

L’obiettivo della consultazione, che sarà accompagnata da un forum di discussione, è quello di conoscere l’opinione di cittadini, imprenditori, autorità pubbliche e di tutte le parti interessate sugli strumenti che porteranno alla trasformazione digitale del Vecchio Continente e al raggiungimento degli obiettivi della strategia. Oltre ai principi e valori-guida per il prossimo decennio (già oggetto di una consultazione pubblica che scadrà il prossimo 2 settembre), la Commissione vuole identificare le opzioni politiche e coordinate per l’attuazione di progetti multinazionali e transfrontalieri.

“Chiediamo di condividere opinioni per aiutarci a preparare il prossimo programma politico della Bussola Digitale, che guiderà questa transizione”, ha sottolineato la vicepresidente della Commissione UE per il Digitale, Margrethe Vestager. Una richiesta condivisa dal commissario per il mercato interno, Thierry Breton: “Abbiamo delineato la visione di un’Europa dotata di poteri digitali, ora dobbiamo aggiornare la cassetta degli attrezzi e il quadro normativo per trasformare questa visione in realtà entro il 2030″.

ARTICOLI CORRELATI

Diritti di riders e lavoratori digitali, il Parlamento europeo è pronto per i negoziati con i Paesi membri
Digital

Diritti di riders e lavoratori digitali, il Parlamento europeo è pronto per i negoziati con i Paesi membri

Contrastare i "falsi autonomi", arginare il potere decisionale degli algoritmi e obbligare le piattaforme digitali a una maggiore trasparenza. Il Parlamento Ue ha approvato la propria posizione negoziale sulle misure per migliorare le condizioni di lavoro dei Gig workers. La relatrice Gualmini (Pd): "Oggi vincono gli interessi di 28 milioni di lavoratori"