Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Certificato Covid Recovery plan Elezioni Germania 2021 Coronavirus Brexit SmartEvent
Entra in funzione il Certificato Covid dell'UE, ma è già messo alla prova dalla variante Delta

Entra in funzione il Certificato Covid dell'UE, ma è già messo alla prova dalla variante Delta

La scommessa dell'UE per ridare vitalità al settore turistico facilitando gli spostamenti nell'area Schengen. Il pass europeo entra in vigore in un contesto pandemico ancora incerto, mentre la minaccia della variante Delta spinge la Germania a chiudere i confini al Portogallo
L'accesso agli articoli è riservato agli utenti iscritti o abbonati
ISCRIVITI o ABBONATI
Sei già iscritto o abbonato? Effettua il login

ARTICOLI CORRELATI

Merkel avverte sulla variante Delta:
Politica

Merkel avverte sulla variante Delta: "L'Europa a rischio quarta ondata, non abbassare la guardia"

"La pandemia non è finita, non è neanche vicina a esserlo", mette in guardia la cancelliera di Berlino al termine dell'ultimo Consiglio europeo che la vede alla guida della Germania. Contro il premier ungherese Orbán, il monito a continuare a discutere dei valori che uniscono l'UE: "Non siamo solo un mercato unico, ma un'Unione sulla base di valori comuni e condivisi. Se mancano questi abbiamo un problema"
COVID, i vertici UE firmano il Certificato digitale
Cronaca

COVID, i vertici UE firmano il Certificato digitale "per un'Europa aperta e senza barriere"

Si conclude l'iter legislativo del regolamento che istituisce il pass per facilitare gli spostamenti all'interno dell'area Schengen in vista della stagione estiva, che entrerà in vigore dal primo luglio. La cerimonia della firma con il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, la presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, e il premier portoghese, Antonio Costa, in rappresentanza degli Stati
Terza dose Pfizer, decisione EMA attesa a inizio ottobre
Cronaca

Terza dose Pfizer, decisione EMA attesa a inizio ottobre

Da somministrare almeno 6 mesi dopo la seconda dose nelle persone di età superiore a 16 anni. Secondo Marco Cavaleri anche i dati Pfizer sull'uso del vaccino nei bambini di età compresa tra 5 e 11 anni dovrebbero arrivare a ottobre, quelli di Moderna a inizio novembre. L'EMA si prenderà 4 settimane per valutarli