HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
COVID, l'EMA avvia la revisione continua sul vaccino francese di Sanofi

COVID, l'EMA avvia la revisione continua sul vaccino francese di Sanofi

Le revisioni continue dell'Agenzia europea per i medicinali accelerano il processo di approvazione del vaccino. Dopo una forte battuta d'arresto negli studi clinici, la multinazionale francese spera nell'approvazione entro fine 2021. Bruxelles si è assicurata già 300 milioni di dosi

Bruxelles – L’Agenzia europea per i medicinali (Ema) ha avviato oggi (20 luglio) la revisione continua sul vaccino Vidprevtyn, sviluppato dalla multinazionale francese Sanofi Pasteur. Lo comunica l’EMA in una nota spiegando che la decisione del comitato per i medicinali umani di avviare la revisione continua si basa sui risultati preliminari degli studi di laboratorio e dei primi studi clinici negli adulti, i quali suggeriscono che il “vaccino innesca la produzione di anticorpi che colpiscono Sars-CoV-2, il virus che causa” la malattia Covid-19 “e può aiutare a proteggere dalla malattia”. L’agenzia con sede ad Amsterdam “valuterà i dati non appena saranno disponibili per decidere se i benefici superano i rischi”. La revisione continua (rolling review) è una procedura straordinaria che l’EMA usa per accelerare il processo di approvazione.

Il vaccino che l’azienda farmaceutica francese sta sviluppando insieme alla britannica GlaxoSmithKline (GSK) è a base proteica, ​​contiene una versione coltivata in laboratorio della proteina spike trovata sulla superficie del Coronavirus e contiene anche un ‘ adiuvante ‘, una sostanza che aiuta a rafforzare le risposte immunitarie al vaccino. Dopo le forti pressioni del presidente francese Emmanuel Macron, lo scorso 18 settembre la Commissione Europea ha siglato l’accordo preliminare d’acquisto con Sanofi per l’acquisto anticipato di 300 milioni di dosi, quando il vaccino si sarà dimostrato “sicuro ed efficace”.

Nonostante le pressioni di Macron, lo sviluppo del vaccino ha subito un forte ritardo all’inizio dell’anno dopo che i primi test clinici hanno dimostrato una risposta immunitaria più debole del previsto tra le persone più anziane, che ne sta ritardando lo sviluppo. Da allora Sanofi si è impegnata prima ad aiutare Pfizer e Moderna a produrre nei propri distretti le fiale dei loro vaccini anti-COVID-19 nel tentativo di aiutare a soddisfare l’enorme domanda di dosi nel Continente e non solo. Ma ad aprile scorso, Sanofi e GlaxoSmithKline hanno lanciato una nuova sperimentazione clinica del loro candidato vaccino contro il Covid-19 che si sta dimostrando più efficace, le due farmaceutiche sperano di ottenere l’approvazione entro la fine del 2021.

Facendo ordine, sul tavolo dell’EMA per la revisione continua insieme a Sanofi dal 4 marzo c’è il vaccino russo Sputnik, dal 3 febbraio il vaccino Novavax, dal 12 febbario CureVac e dal 5 maggio anche il vaccino cinese Sinovac.

 

ARTICOLI CORRELATI