HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Inflazione al 2,2% nell'eurozona a luglio, dicono i dati preliminari

Inflazione al 2,2% nell'eurozona a luglio, dicono i dati preliminari

Eurostat prevede che i rincari energetici, dei generi alimentari e dei servizi farà sfondare la soglia di riferimento della BCE

Bruxelles – A luglio l’inflazione attesa nell’area euro è del 2,2%, in aumento rispetto ai valori di giugno (1,9%). Valore dunque oltre la soglia ritenuta ottimale dalla BCE, secondo i dati preliminari pubblicati da Eurostat. A trainare in alto il costo della vita soprattutto l’energia, che dovrebbe registrare il tasso annuo più elevato a luglio (14,1%, rispetto al 12,6% di giugno), seguita da cibo, alcol e tabacco (1,6%, rispetto allo 0,5% di giugno), servizi (0,9%, rispetto allo 0,7% di giugno) e beni industriali non energetici (0,7%, rispetto all’1,2% di giugno).

Tra gli Stati con la moneta unica livelli record si registrano nelle repubbliche baltiche di Estonia (4,9%) e Lituania (4,3%), seguite da Lussemburgo (3,3%) e Germania (3,1%). In controtendenza l’Italia, dove le stime preliminari per l’inflazione a luglio indicano uno 0,9%, in calo rispetto ai valori di giugno (1,3%). Dinamica analoga per i Paesi Bassi, il cui indice è previsto ridotto di 0,3 punti percentuali (1,4%).

ARTICOLI CORRELATI

Stretta Ue sugli imballaggi, la Commissione propone obiettivi di riuso per ridurre i rifiuti e rassicura l'Italia:
Economia

Stretta Ue sugli imballaggi, la Commissione propone obiettivi di riuso per ridurre i rifiuti e rassicura l'Italia: "Molto è stato fatto, ma vogliamo di più"

Nel quadro del pacchetto sull'economia circolare, la Commissione propone la controversa revisione della direttiva imballaggi che ha destato preoccupazione in Italia. Il vice presidente Timmermans in italiano chiarisce che “nessuno vuole mettere fine alle pratiche di riciclo che funzionano bene o mettere in pericolo gli investimenti”