HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
In trent'anni la produzione di olio combustibile è diminuita del 62% nell'UE

In trent'anni la produzione di olio combustibile è diminuita del 62% nell'UE

I dati Eurostat certificano il cambio di passo sostenibile del settore marittimo dell'UE. Italia tra gli esempi più virtuosi

Bruxelles – L’Olio combustibile, utilizzato soprattutto nel settore marittimo, è troppo ricco di zolfo e quindi troppo nemico di ambiente e clima. L’Unione europea l’ha messo al bando ufficialmente solo a gennaio 2020, ma è praticamente dal 1990 si è iniziato ad accantonarlo, sempre di più. In trent’anni la produzione di olio combustibile è diminuita del 62%, nell’UE. Dal 1990 al 2020 raffinazione e lavorazione della fonte d’energia è passata da 127 milioni di tonnellate a 48,480 milioni di tonnellate.

Italia leader del cambiamento

Diminuzioni “più significative”della produzione sono state osservate in Italia (da 23,7 milioni di tonnellate nel 1990 a 5,4 nel 2020) e in Spagna (da 15 milioni di tonnellate nel 1990 a 2,4 nel 2020), rileva Eurostat nel diffondere i dati. Per una volta il Belpaese è esempio da seguire, modello di buone pratiche e l’ambiente ringrazia.

Attualmente l’Italia è comunque tra gli Stati UE che maggiormente produce il gasolio insostenibile, ma la  natura peninsulare del Paese non permette di meglio. L’olio combustibile è utilizzato soprattutto per il trasporto marittimo, passeggeri e merci. Nel 2020 risultano 13 Paesi ad aver prodotto più di un milione di tonnellate di olio combustibile. Di questi paesi, cinque rappresentavano circa il 60% della produzione totale di olio combustibile dell’UE: Paesi Bassi (19% con 9 milioni di tonnellate, Germania (13% con 6,2 milioni), Italia (11% con 5,4 milioni), Francia (9% con 4,3 milioni) e Svezia (8% con 3,9 milioni).

Verso un’Europa ad olio combustibile zero

In trent’anni la produzione di olio combustibile è diminuita del 62%, dunque. Ma le buone notizie non si esauriscono qui. Perché nel 2020 risultano sei Stati membri ad aver chiuso con il carburante nemico dell’ambiente. Se Lussemburgo, Lettonia, Malta ed Estonia non hanno mai avuto raffinerie e non potevano quindi produrlo, Cipro e Slovenia hanno smesso di produrre olio combustibile da oltre un decennio (rispettivamente nel 2004 e nel 2000).

La Commissione europea si è posto l’obiettivo di avere un’UE a zero emissioni di carbonio e gas clima-alteranti al 2050 solo di recente, ma appare evidente che il cambio di rotta per quanto riguarda il gasolio insostenibile è iniziato prima. Ora si tratta solo di accelerare la transizione verde, al centro della strategia UE e dei governi.

ARTICOLI CORRELATI

Parigi e Berlino in 'missione' a Washington prima del Vertice Ue. A Bruxelles sfuma l'idea di nuovo debito comune per il Piano industriale green
Economia

Parigi e Berlino in 'missione' a Washington prima del Vertice Ue. A Bruxelles sfuma l'idea di nuovo debito comune per il Piano industriale green

I Ventisette su posizioni distanti prima del Vertice Ue che giovedì e venerdì riunirà i leader nella capitale belga per discutere della risposta al piano Usa contro l'inflazione. Le Maire e Habeck incontreranno domani il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen per cercare di negoziare aggiustamenti al grande piano americano
L'Unione europea trova l'accordo sul tetto al prezzo del petrolio raffinato russo
Economia

L'Unione europea trova l'accordo sul tetto al prezzo del petrolio raffinato russo

Intesa sul filo di lana tra gli ambasciatori Ue per ‘price cap’ a 100 dollari al barile per i prodotti derivati cosiddetti ‘di alta qualità’ (high value), come diesel e benzina, e 45 dollari al barile per i prodotti di bassa qualità, come gli oli combustibili. Dopo la procedura formale, il tetto sarà in vigore da domenica 5 febbraio insieme all'embargo europeo sugli stessi prodotti raffinati