HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
L'UE chiede spiegazioni all'Italia sull'ordinanza che impone a tutti l'obbligo di test COVID negativo per entrare nel Paese

L'UE chiede spiegazioni all'Italia sull'ordinanza che impone a tutti l'obbligo di test COVID negativo per entrare nel Paese

La Commissione Europea contesta a Roma di non aver notificato le misure che impongono restrizioni di viaggio tra Paesi membri: "Sono possibili solo quando sono necessarie e comunque di breve durata"

Strasburgo – Regna il caos nell’Unione Europea nel pieno della nuova ondata di COVID-19 causata dalla variante Omicron e, nonostante la Commissione stia cercando di coordinare una risposta comune, i governi nazionali vanno in ordine sparso sulle restrizioni di viaggio tra un Paese membro e l’altro. In particolare, oggi nell’occhio del ciclone c’è l’ordinanza del governo italiano di imporre l’obbligo di presentazione di un test COVID-19 negativo (antigenico o molecolare) per entrare nel Paese da qualsiasi Stato membro dell’UE, anche per chi è vaccinato, a partire dal 16 dicembre e fino al 31 gennaio 2022.

L’obbligo riguarda tutte le persone che hanno transitato o soggiornato in altri Paesi dell’Unione nei 14 giorni precedenti ed è prevista una quarantena di 5 giorni in Italia per chi non è vaccinato. Da domani, chiunque voglia entrare in Italia dall’UE dovrà presentare l’esito negativo o di un test antigenico svolto nelle 24 ore prima dell’arrivo o di un test molecolare nelle 48 ore precedenti, l’EU Digital Passenger Locator Form (qui il link) e la certificazione vaccinale (per non doversi sottoporre alla quarantena).

Nonostante la decisione sia stata presa per il peggioramento della situazione epidemiologica in Italia (20.677 nuovi casi e 120 decessi, con 863 ricoveri in terapia intensiva ieri) e con lo scopo di limitare la circolazione della variante Omicron del COVID-19, la Commissione UE ha contestato al governo Draghi la mancata notifica sull’ordinanza di imporre il tampone obbligatorio per l’ingresso nel Paese. “Per mantenere un approccio coordinato gli Stati membri sono obbligati a informare la Commissione e gli altri Stati membri in anticipo”, ha commentato durante il punto quotidiano con la stampa Christian Wigand, portavoce dell’esecutivo comunitario. “Abbiamo ricordato all’Italia questi obblighi e analizzeremo le nuove misure quando ci saranno notificate”, ha aggiunto il portavoce, ribadendo che “sono possibili solo quando necessarie e comunque di breve durata“.

La questione della notifica rimane però una questione complessa, che compare anche nell’aggiornamento delle regole per i viaggi dentro l’UE dello scorso 25 novembre. Nella proposta si fa appello agli Stati membri a informare Commissione e Consiglio in caso di “situazioni particolarmente gravi“, che richiedono “procedure di emergenza destinate a ritardare la diffusione di eventuali nuove varianti di COVID-19”. Tuttavia, nelle raccomandazioni non compare l’obbligatorietà e già il Portogallo ha introdotto da tre settimane l’obbligo di test negativo anche per i vaccinati che fanno ingresso nel Paese.

“Omicron ha una capacità di contagio nettamente superiore alle altre varianti”, ha spiegato il primo ministro, Mario Draghi, in risposta a una domanda al termine delle comunicazioni sul prossimo Consiglio Europeo alla Camera dei Deputati. “Da noi i contagi con Omicron sono meno dello 0,2 per cento, ma in altri Paesi la variante è molto diffusa” e per questo motivo “non c’è molto da riflettere, abbiamo attuato la stessa pratica che si usa oggi per i visitatori che provengono dal Regno Unito”, ha puntualizzato il premier.

ARTICOLI CORRELATI

Green Pass, la Commissione propone 9 mesi di validità vaccinale standard per viaggiare in UE
Cronaca

Green Pass, la Commissione propone 9 mesi di validità vaccinale standard per viaggiare in UE

Bruxelles propone un aggiornamento delle raccomandazioni sui viaggi interni e da Paesi extra UE, l'obiettivo è evitare un nuovo quadro frammentato di regole. I certificati sanitari scadranno dopo 9 mesi dal completamento del ciclo vaccinale primario, più avanti arriverà la proroga per le dosi di richiamo. Gli Stati devono approvare la proposta, che dovrebbe essere in vigore dal 10 gennaio