Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina NATO Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Guerra e sicurezza alimentare: nell'UE si corre ai ripari

Guerra e sicurezza alimentare: nell'UE si corre ai ripari

In Parlamento UE il confronto tra i deputati e il commissario Wojciechowski. La Commissione prepara il suo piano da presentare il 23 marzo. Da Roma il ministro Patuanelli chiede una deroga agli obblighi della PAC per aumentare la produttività, il tema sarà oggetto del prossimo Consiglio agricoltura del 21 a Bruxelles

In Parlamento UE il confronto tra i deputati e il commissario Wojciechowski. La Commissione prepara il suo piano da presentare il 23 marzo. Da Roma il ministro Patuanelli chiede una deroga agli obblighi della PAC per aumentare la produttività, il tema sarà oggetto del prossimo Consiglio agricoltura del 21 a Bruxelles
L'accesso agli articoli è riservato agli utenti iscritti o abbonati
ISCRIVITI o ABBONATI
Sei già iscritto o abbonato? Effettua il login

ARTICOLI CORRELATI

Ridurre la dipendenza e affrontare il rincaro dei prezzi, i leader UE vogliono un piano per la sicurezza alimentare “prima possibile”
Agricoltura

Ridurre la dipendenza e affrontare il rincaro dei prezzi, i leader UE vogliono un piano per la sicurezza alimentare “prima possibile”

I leader europei al Consiglio informale di Versailles sottolineano la necessità di migliorare la sicurezza alimentare dell'UE di fronte alla crisi di Russia e Ucraina, che rappresentano il 30 per cento del commercio mondiale di grano. Ridurre le importazioni e aumentare la produzione di proteine di origine vegetale dovrebbero essere al centro di un piano per la sicurezza che la Commissione presenterà il 23 marzo
Bruxelles mette in pausa la rotazione delle colture per aumentare la produzione di cereali
Agricoltura

Bruxelles mette in pausa la rotazione delle colture per aumentare la produzione di cereali

Adottata la deroga temporanea alle norme sulla rotazione delle colture e sul mantenimento di elementi non produttivi sui terreni coltivabili per aumentare la capacità produttiva dell'Ue per i cereali destinati ai prodotti alimentari. Bruxelles stima di poter riportare in produzione 1,5 milioni di ettari rispetto ad oggi, gli Stati e gli agricoltori potranno decidere se farvi ricorso