HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
Gentiloni:
Il commissario per l'Economia, Paolo Gentiloni, al Brussels Economic Forum [Bruxelles, 17 maggio 2022]

Gentiloni: "Crisi energetica diversa da quella da COVID, no al sostegno massiccio all'economia"

Il commissario per l'Economia entra nel vivo del dibattito politico. "Le misure anti-COVID hanno funzionato, ma è Impossibile continuare con le stesse politiche di bilancio"

Bruxelles – La crisi da pandemia è diversa da quella derivante dal conflitto in Ucraina. e per questa loro natura ipotizzare interventi come quelli anti-COVID non è possibile. Il confronto non regge. Nuovi titoli di debito europei per puntellare nuovamente le economie degli Stati membri non sono un’ipotesi percorribile, così come, al momento, non lo è il via libera al sostegno pubblico generalizzato. Paolo Gentiloni sgombra il campo da tentazioni e ipotesi di un certo tipo. Il commissario per l’Economia sceglie la cornice del Brussels Economic Forum per tracciare la rotta da seguire in tempi di incertezze e rinnovate debolezze economiche.

Rivendica con orgoglio e soddisfazione quanto fatto per reagire alla crisi sanitaria. “Le misure anti-pandemia hanno funzionato. Se guardiamo alla disoccupazione, il tasso è molto basso”. Ma si affretta ad operare i distinguo. “Ora abbiamo a che fare con una nuova crisi, che è diversa, e che non può giustificare lo stesso sostegno” garantito sin qui attraverso il congelamento del patto di stabilità e delle sue regole, e l’allentamento delle norme sugli aiuti di Stato.

La ragione delle misure senza precedenti prese sulla scia della diffusione del Coronavirus è legata alla natura simmetrica delle ricadute. Tutti si sono ritrovati colpiti, e in modo analogo. Ora la crisi energetica si abbatte in modo diverso sugli Stati, alcuni dipendenti più di altri da gas e petrolio russi. “E’ impossibile continuare con politiche di bilancio di sostegno massiccio“. Quello che serve, precisa Gentiloni, “è sostegno mirato”. Un esercizio non facile, ma imprescindibile tenuto conto anche del clima politico.

Gli Stati membri sono alle prese con la riflessione sul patto di stabilità. Da più parti si avverte la necessità di rivederlo, prima di riportarlo in vigore. Ma qui l’Europa degli Stati marcia tutt’altro che compatto. Al contrario, è diviso. Il commissario per l’Economia ne è più che consapevole. Conferma una volta di più che allo stato attuale non c’è intesa, ma si dice “fiducioso” che presto o tardi si troverà. Il nodo è sempre lo stesso, la necessità di “trovare il giusto equilibrio tra investimenti e prudenza di bilancio”. Ma aggiungere un ulteriore elemento di possibile attrito è politicamente anche poco opportuno, oltre che fattualmente fuori luogo. La crisi in corso è diversa, e va trattata diversamente da quella precedente.

ARTICOLI CORRELATI

L'Unione europea trova l'accordo sul tetto al prezzo del petrolio raffinato russo
Economia

L'Unione europea trova l'accordo sul tetto al prezzo del petrolio raffinato russo

Intesa sul filo di lana tra gli ambasciatori Ue per ‘price cap’ a 100 dollari al barile per i prodotti derivati cosiddetti ‘di alta qualità’ (high value), come diesel e benzina, e 45 dollari al barile per i prodotti di bassa qualità, come gli oli combustibili. Dopo la procedura formale, il tetto sarà in vigore da domenica 5 febbraio insieme all'embargo europeo sugli stessi prodotti raffinati