HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
19 ottobre 2023, la Scozia fissa la data per un nuovo referendum sull'indipendenza
Manifestazione di indipendentisti scozzesi. Eidmburgo vuole un nuovo referendum il 19 ottobre 2023 [foto: Wikimedia Commons]

19 ottobre 2023, la Scozia fissa la data per un nuovo referendum sull'indipendenza

L'annuncio della prima ministra Nicola Sturgeon. ""La democrazia scozzese non sarà prigioniera di Boris Johnson". Londra minimizza. "Non è una priorità, valuterà la Corte suprema"

Bruxelles – La Scozia ci riprova. La prima ministra di Edimburgo definisce il calendario per l’indipendenza, fissando al 19 ottobre 2023 il giorno per un nuovo referendum. Non molla Nicola Sturgeon. Fa sul serio, e lo fa nel solco delle sempre più complicate relazioni con Londra. Nel 2014 il voto sullo status scozzese vide affermarsi lo status quo. Il 55,3 per cento dei votanti optò per restare Nazione costitutiva del Regno Unito, ma all’epoca il Regno Unito era ancora parte dell’Unione europea. E’ stata la Brexit a produrre un vero e proprio terremoto nel nord dell’isola. Inglesi e scozzesi hanno espresso idee completamente diverse sull’appartenenza al club a dodici stelle, con i primi – a favore dell’uscita – che hanno costretto i secondi – a favore della permanenza – a rinunciarvi.

Da allora la premier scozzese ha iniziato un lavorio senza sosta per dare di nuovo ai suoi elettori un posto nell’UE. Sa che deve farlo secondo le regole, perché la separazione sia riconosciuta dalla comunità internazionale e potersi riconoscere il processo di adesione. C’è bisogno del via libera del governo di Londra per indire il referendum. Con il governo di Johnson ci sono già stati confronti sul tema, in passato. L’attuale inquilino del numero 10 di Dowing Street si è fin qui opposto a permettere un nuovo voto sull’indipendenza della Scozia, sostenendo che un’iniziativa simile deve avvenire “una volta in una generazione”. Sturgeon sta al gioco, senza desistere, e aspetta che passi il momento della ‘generazione’. 18 settembre 2014-19 ottobre 2023, ecco il passo generazionale. “La democrazia scozzese non sarà prigioniera di Boris Johnson”, scandisce Sturgeon nel suo Parlamento di Edimburgo. Ribadisce che la Brexit ha cambiato tutto, i presupposti alla base del quesito referendario del 2014, e annuncia che il 19 ottobre 2023 i cittadini-elettori saranno sottoposti un’altra volta allo stesso quesito: “Dovrebbe la Scozia essere uno Stato indipendente?”.

Una sfida aperta, quella di Sturgeon. Con il presidente del partito di cui fa parte, il Partito nazionalista scozzese (SNP), Michael Russell, che fa notare come il 19 ottobre non sia un giorno scelto a caso. “Il 19 ottobre 1781 il generale Cornwallis si arrese a Yorktown mettendo effettivamente fine alla rivoluzione americana e assicurando l’indipendenza dell’America”.

A Londra si glissa.La nostra posizione rimane invariata”, il commento del portavoce del governo, che ribadisce come “sia la nostra priorità che quella del governo scozzese dovrebbe essere lavorare insieme con un’attenzione incessante sulle questioni che contano davvero per le persone”. Ma di fronte alle mosse di Sturgeon e dei nazionalisti scozzesi, “studieremo attentamente i dettagli della proposta e la Corte suprema valuterà”.

ARTICOLI CORRELATI