HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
La BCE aumenta i tassi di interesse allo 0,50 per cento, il doppio del previsto
[foto: imagoeconomica]

La BCE aumenta i tassi di interesse allo 0,50 per cento, il doppio del previsto

Lagarde: "Questo sosterrà il ritorno dell’inflazione all’obiettivo del 2% nel medio termine". Ma aumentano mutui per le famiglie e i costi di finanziamento per le imprese

Bruxelles – Avanti con l’aumento dei tassi di interesse. La Banca centrale europea tiene fede agli annunci e anche di più. Il Consiglio direttivo modifica la sua politica monetaria e rialza di 0,50 punti i tassi di riferimento. Un cambio di programma nella già prevista revisione della strategia. L‘Eurower “ha ritenuto opportuno adottare un primo intervento più ampio nella normalizzazione dei tassi di riferimento rispetto a quanto segnalato nella riunione precedente”, riconosce la presidente Christine Lagarde, convinta come tutti i membri del Consiglio che questa sia la mossa migliora sulla base della “nostra valutazione aggiornata dei rischi di inflazione”. Non più tassi da 0 a 0,25, ma da 0 a 0,50 per cento, dunque.

Lagarde insiste nel ribadire l’impegno per una stabilità dei prezzi, e rivendica la decisione. Questa mossa “sosterrà il ritorno dell’inflazione all’obiettivo del 2 per cento nel medio termine”. Una decisione che rischia però effetti domino sull’economia reale. Innalzare i tassi di interesse vuol dire che aumenterà il costo del prestito del denaro chiesto alle banche centrali. Gli istituti di credito, per ottenere liquidità, dovranno pagare di più, e questo si ripercuote automaticamente sulle linee di credito che famiglie e imprese vorranno cercare presso le loro banche, con mutui e prestito più cari da rimborsare.

Già adesso, senza l’aumento dei tassi di interesse, le banche hanno continuato a inasprire le condizioni per finanziamenti alle imprese e prestiti alle famiglie. Questo rischia di tradursi in un ulteriore aumento dei mutui, e condizioni meno agevoli per sostenere il settore secondario. Aumentare di tassi allo 0,50 per cento è un problema per i cittadini, visto e considerato, e di questo Lagarde ne è consapevole visto che è lei a sottolinearlo in conferenza stampa, “i consumi sono sostenuti dai risparmi costruiti negli ultimi anni”. Non è un buon segno, questo. Vuol dire che le famiglie stanno intaccando i loro risparmi, contribuendo al loro impoverimento in un momento di “continua perdita di potere d’acquisto” determinata da un’inflazione all’8,6%.

Ormai il passo è compiuto. Lagarde conferma che la BCE continuerà a intervenire sui tassi, “sulla base dei dati disponibili”, e che il tema sarà al centro di ogni riunione del Consiglio direttivo. E’ pronta a rivedere la strategia sin da subito. All’inizio l’orientamento era di portare i tassi allo 0,25 per cento a luglio per innalzarli allo 0,50 per cento eventualmente alla ripresa dopo la pausa estiva. “Quindi la tabella prevista per settembre non è più valida. Quello che accadrà a settembre dipenderà dai dati”.

ARTICOLI CORRELATI

L'Unione europea trova l'accordo sul tetto al prezzo del petrolio raffinato russo
Economia

L'Unione europea trova l'accordo sul tetto al prezzo del petrolio raffinato russo

Intesa sul filo di lana tra gli ambasciatori Ue per ‘price cap’ a 100 dollari al barile per i prodotti derivati cosiddetti ‘di alta qualità’ (high value), come diesel e benzina, e 45 dollari al barile per i prodotti di bassa qualità, come gli oli combustibili. Dopo la procedura formale, il tetto sarà in vigore da domenica 5 febbraio insieme all'embargo europeo sugli stessi prodotti raffinati