HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
I giovani vittime della crisi COVID nel trasporto aereo
[foto: Emanuele Bonini per Eunews]

I giovani vittime della crisi COVID nel trasporto aereo

Eurostat: ""Le compagnie aeree e le imprese associate hanno ridotto il numero dei loro occupati, con i lavoratori più giovani particolarmente colpiti"

Bruxelles – Le vittime della crisi sanitaria sono i giovani. Nel settore del trasporto aereo sono soprattutto loro a pagare il prezzo più salato in termini occupazionali. “Le compagnie aeree e le imprese associate hanno ridotto il numero dei loro occupati, con i lavoratori più giovani particolarmente colpiti“, rileva Eurostat. Nel primo trimestre del 2022, 325.600 persone erano impiegate nel settore del trasporto aereo nell’UE. Questo è “il numero più basso registrato in 14 anni”. In particolare, la diminuzione è attribuibile ai lavoratori di età compresa tra 15 e 39 anni (da 204.400 nel primo trimestre 2008, a 121.400 nel primo trimestre 2022, per complessivi 83mila posti di lavoro in meno).

Un trend che non risparmia l’Italia. Anche qui i più giovani risultano le principali vittime della crisi sanitaria. Il lockdown decretato a marzo 2020 coincide con le ripercussioni sul numero dei giovani attivi negli aeroporti e sugli aeromobili. Se alla fine del secondo trimestre di quell’anno risultavano 11.600 giovani lavoratori, questa cifra si ridotta e assottigliata sempre di più, fino a scendere a 4.700 alle fine del secondo trimestre 2021. Un numero che è tornato a crescere, per attestarsi a 8.800 tra uomini e donne a marzo 2022, un dato inferiore ai livelli pre-pandemia. Un dato, quello tricolore, che conferma una volta di più come “i giovani lavoratori del trasporto aereo sono stati colpiti dalla crisi del COVID-19″.

Il dato diffuso dall’istituto di statistica europeo conferma una volta di più la difficoltà per le giovani leve. Sono soprattutto loro ad avere pagato con licenziamenti la pandemia e lo spegnimento dell’economia che ne è conseguito.

ARTICOLI CORRELATI

L'Unione europea trova l'accordo sul tetto al prezzo del petrolio raffinato russo
Economia

L'Unione europea trova l'accordo sul tetto al prezzo del petrolio raffinato russo

Intesa sul filo di lana tra gli ambasciatori Ue per ‘price cap’ a 100 dollari al barile per i prodotti derivati cosiddetti ‘di alta qualità’ (high value), come diesel e benzina, e 45 dollari al barile per i prodotti di bassa qualità, come gli oli combustibili. Dopo la procedura formale, il tetto sarà in vigore da domenica 5 febbraio insieme all'embargo europeo sugli stessi prodotti raffinati