HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Elezioni 2022 Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
INTERVISTA / Chiara Appendino:

INTERVISTA / Chiara Appendino: "Chiediamo Energy Recovery Fund. Sì al price cap sul gas, ma anche revisione di mercato"

L'ex-sindaca di Torino e candidata per il Movimento 5 Stelle alle elezioni del 25 settembre spiega che "serve una politica di acquisto comune" dell'energia a livello comunitario, "per ridurre il più possibile la dipendenza dalla Russia e rendere l'Europa più forte e meno ricattabile"

Bruxelles – Dopo la pandemia di Covid-19, la crisi energetica. Ma la risposta per il Movimento 5 Stelle è la stessa e passa dall’Unione Europea: “Da febbraio/marzo, quando il tema dell’energia non era così al centro del dibattito, dicevamo che sarebbe accaduto quello che purtroppo stiamo vivendo e chiedevamo già allora un Energy Recovery Fund“, sottolinea l’ex-sindaca di Torino e candidata M5S alle elezioni del 25 settembre, Chiara Appendino.

In un’intervista all’agenzia di stampa Gea – Green Economy Agency (dello stesso gruppo Hub Editoriale, di cui Eunews fa parte), Appendino traccia un parallelismo tra “l’esperienza che ha avuto Giuseppe Conte [allora premier italiano, ndr] nell’ambito della pandemia” e la necessità di “un approccio simile sull’energia”, che abbia come punto-cardine la “risposta solidale dell’Europa” con “un intervento economico ma anche una definizione di regole più comuni possibili”.

Si aprono le porte a un tetto al prezzo del gas importato dalla Russia, ma Appendino ricorda che “ok al price cap, ma aggiungo anche una revisione di come funziona il mercato del gas e poi quello elettrico“, sull’onda lunga dell’intervento strutturale promesso dalla Commissione Europea per l’inizio del prossimo anno. Serve anche “una politica di acquisto comune, per andare a ridurre il più possibile la dipendenza dalla Russia e rendere l’Europa più forte e meno ricattabile“.

ARTICOLI CORRELATI

INTERVISTA / Manon Aubry:
Politica

INTERVISTA / Manon Aubry: "Una vittoria dell'estrema destra italiana può rafforzare il rapporto con i popolari nell'Ue"

La co-presidente del gruppo della Sinistra al Parlamento Ue è "molto preoccupata per l'ascesa dei neofascisti" di Fratelli d'Italia: "Abbiamo già visto come il Ppe possa contare su di loro per bloccare misure progressiste su clima, diritti delle donne, migrazioni, diritti umani". L'alternativa è "porre agende femministe, antirazziste ed ecologiche dal centro di una piattaforma di sinistra"