HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Elezioni 2022 Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
I governi cercano un accordo sul taglio obbligatorio dei consumi elettricità. Praga lavora a una nuova bozza di compromesso
Frans Timmermans

I governi cercano un accordo sul taglio obbligatorio dei consumi elettricità. Praga lavora a una nuova bozza di compromesso

I ministri dell'energia a Bruxelles il 30 settembre per approvare le misure di emergenza proposte da Bruxelles, su cui è iniziato il lavoro preparatorio degli ambasciatori presso l'Ue. Tempi stretti ma necessari per dare modo ai leader Ue di discuterne a ottobre. Per il ministro Cingolani c'è possibilità di trovare un compromesso su un cap sul gas a livello europeo

Bruxelles – Due settimane esatte per trovare un accordo sul piano Ue contro l’aumento dei prezzi di gas ed elettricità in bolletta. I ministri europei dell’Energia si incontreranno il 30 settembre a Bruxelles in una nuova riunione straordinaria per discutere (e verosimilmente approvare) le misure di emergenza contro il caro energia annunciate mercoledì 14 settembre dalla presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, che includono una riduzione della domanda di elettricità nelle ore di punta, un tetto sugli extra profitti dei produttori di energia elettrica a costi bassi (come rinnovabili e nucleare), un contributo di solidarietà dalle imprese attive nel fossile e sostegni mirati alle energivore.

Gli ambasciatori dei 27 Stati membri Ue hanno avuto mercoledì, subito dopo la presentazione del pacchetto, un primo “confronto preliminare” sulle misure e a quanto si apprende a Bruxelles si sono mostrati tutti “piuttosto favorevoli” alla proposta in generale. Ci sono degli elementi della proposta su cui si dovrà lavorare per trovare un compromesso ed è per questo che la presidenza di turno della Repubblica ceca alla guida semestrale dell’Ue proporrà ai governi una nuova bozza rivista rispetto alla proposta della Commissione per una nuova riunione che si terrà la prossima settimana sempre a livello di ambasciatori.

Come era successo a luglio per il piano di riduzione della domanda di gas, il nodo principale da sciogliere sarà se rendere obbligatorio il taglio del 5 per cento della domanda di energia elettrica durante le ore di picco, come proposto da Bruxelles. La Commissione ha chiesto poi ai governi di ridurre la domanda complessiva di elettricità di almeno il 10 per cento fino al 31 marzo 2023, ma senza imporgli un obbligo vincolante e concedendo “flessibilità” per scegliere quali misure introdurre per arrivare a centrare l’obiettivo. Nel piano Bruxelles stima che una riduzione della domanda nelle ore di punta porterebbe a una riduzione del consumo di gas di 1,2 miliardi di metri cubi durante l’inverno.

Ma gli Stati sono generalmente più reticenti ad accordarsi su misure che vengono imposte in maniera obbligatoria da Bruxelles, e questo potrebbe rallentare i tempi. Secondo fonti diplomatiche ci sono vari Stati membri come il Belgio, la Francia, la Polonia e la Spagna che al momento preferiscono che il taglio della domanda sia su base volontaria, anche per non creare tensioni sociali tra consumatori e imprese. Un tentativo di compromesso potrebbe essere decidere di fare come si è fatto per il gas, ovvero scegliere un approccio volontario, che diventa obbligatorio di fronte a una crisi. Altro nodo da sciogliere sarà come utilizzare in modo efficace il tetto sui ricavi delle società che producono energia a costi più bassi (come le rinnovabili) e il prelievo sulle società attive con le fossili, con cui Bruxelles stima di raccogliere oltre 140 miliardi di euro.

Le riunioni tecniche tra i rappresentanti permanenti presso l’Ue che si terranno nei prossimi quindici giorni serviranno a spianare la strada alla riunione dei ministri dell’Energia convocata d’urgenza per il 30 settembre. Per discutere e approvare con urgenza le misure. Tempi stretti ma necessari per dare modo di affrontare la questione ai capi di stato e di governo che si incontreranno in ottobre due volte, a Praga per un vertice informale il 6-7 ottobre e a Bruxelles il 20-21 ottobre in un vertice ordinario in cui il tema energia sarà dominante, sopratutto la questione del tetto al prezzo del gas che è per ora è stata esclusa dal piano di emergenza presentato da Bruxelles. Parlando in conferenza stampa insieme premier Mario Draghi dopo il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto aiuti Fer, il ministro della transizione ecologica Roberto Cingolani si è detto ottimista sul fatto che entro il 30 settembre si possa convergere anche sul tetto al prezzo del gas.

E nel frattempo proprio dal capo del Consiglio europeo, Charles Michel, arriva l’invito alla Commissione europea a fare di più per affrontare il caro bollette. Dopo che appena poche settimane fa si era scagliato contro la presidente Ursula von der Leyen accusandola di “ritardi” nella presentazione di una proposta sul tetto al prezzo del gas, questa volta Michel ha detto in riferimento al pacchetto che include il taglio all’elettricità si tratta di “buone proposte, ma ne serviranno altre”, come si legge in una intervista con vari media europei, come riporta Reuters. “Sui prezzi c’è una proposta sul tavolo”, ha detto aggiungendo di non credere che possa essere da solo risolutivo. “Credo sia importante accelerare in termini di mercato elettrico”, ha detto, ha detto in riferimento tanto al price-cap quanto alla richiesta dei governi di una riforma del mercato elettrico, che dovrebbe arrivare all’inizio del prossimo anno. Mentre continua il lavoro dell’esecutivo per la diversificazione energetica, in parallelo anche Michel ha avviato una sua strategia di diversificazione energetica che coinvolge Algeria, Qatar, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti, in cui si è recato nelle scorse due settimane con l’obiettivo di rafforzare la cooperazione energetica.

ARTICOLI CORRELATI

Ursula von der Leyen vuole aprire una convenzione per riformare l'Unione europea
Politica

Ursula von der Leyen vuole aprire una convenzione per riformare l'Unione europea

Nel discorso sullo stato dell'Unione, la presidente della Commissione sostiene alla richiesta dell'Europarlamento di applicare l'articolo 48 e aprire una convenzione per discutere anche di riforma dei trattati. "Qualcuno potrebbe dire che non è il momento giusto, ma se vogliamo davvero prepararci al mondo di domani, dobbiamo essere in grado di intervenire sulle questioni che stanno più a cuore alle persone”