HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Trzaskowski (Varsavia):
The city Mayor of Warsaw, Rafal Trzaskowski

Trzaskowski (Varsavia): "Guerra in Ucraina e crisi energetica un ostacolo ai grandi traguardi della COP27"

Nell'intervista a Gea, il sindaco di Varsavia invita a non abbassare la guardia. "Conferenza più impegnativa di qualsiasi altra recente COP, faremo sentire la nostra voce"

Bruxelles – “Il contesto internazionale piuttosto teso attorno al quale si sta svolgendo la COP27 potrebbe essere un ostacolo al raggiungimento di grandi traguardi, ma non dobbiamo scendere a compromessi sulla nostra ambizione”. Rafal Trzaskowski, sindaco di Varsavia, riconosce come l’agenda politica verde possa essere rimodellata a causa di uno scenario generale radicalmente cambiato. “C’è il rischio che l’attuale crisi energetica globale ostacoli l’attuazione del patto per il cliam di Glasgow, che è l’insieme delle azioni concordate alla COP26 lo scorso anno”, ammette nell’intervista rilasciata a GEA, testata del gruppo Withub. Se è così, appare molto difficile ottenere un nuovo, migliore, accordo, il messaggio che arriva dal membro della commissione Ambiente del Comitato europeo delle regioni. Trzaskowski farà parte della delegazione del CoR a Sharm-el-Sheik. “La nostra posizione nel Comitato europeo delle regioni – sottolinea – è che, mentre ci adoperiamo per garantire l’approvvigionamento energetico e proteggere i nostri cittadini dai prezzi elevati dell’energia, non possiamo perdere di vista la crisi climatica”.

Eunews: Siete preoccupati per la possibilità di un accordo al ribasso?

Rafal Trzaskowski: “In primo luogo, ricordiamoci che sia la governance climatica globale che i negoziati internazionali sul clima sono piuttosto fragili poiché seguono dinamiche complesse e sono soggetti a una varietà di fattori all’intersezione delle relazioni internazionali e della geopolitica del potere. La guerra in Ucraina , la crisi energetica e l’elevata inflazione non hanno altro che esacerbato tale fragilità. Consideriamo la COP27 un’opportunità per promuovere ulteriormente l’ambizione e l’attuazione del clima e speriamo che le conclusioni rispecchino l’urgente necessità di una cooperazione multi-livello e facciano appello ai governi nazionali coinvolgere gli enti locali e regionali nell’attuazione dell’azione per il clima sul campo. Ogni COP è vista come un passo avanti, a volte a un ritmo più lento, ma sicuramente come uno sforzo globale congiunto nella giusta direzione. Anche la COP27 che si svolgerà in Africa avrà bisogno portare avanti i negoziati sull’Obiettivo globale sull’adattamento, i finanziamenti per il clima e considerare i molti aspetti che collegare il cambiamento climatico con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, con particolare attenzione a cibo e mangimi, acqua, urbanizzazione e biodiversità”.

E: Il fatto che la riunione del G20 si svolga nello stesso momento rappresenta un rischio? Potremmo non vedere alcun leader a Sharm-el-Sheik?

RT: “Ogni anno la COP accoglie il maggior numero di leader mondiali e sono fiducioso che quest’anno non farà eccezione. All’inizio delle due intense settimane di negoziati sul clima a Sharm El Sheikh, vedremo l’ennesimo vertice dei leader e che ci auguriamo dia un impulso politico decisivo ai negoziati. Il G20 di Bali (15-16 novembre), svolgendosi poco prima della chiusura dei negoziati della COP27, ritengo possa essere utile per trovare compromessi politici dell’ultimo minuto tra i leader  in termini di impegni sul clima, finanziamento e avanzamento dell’eliminazione graduale dei sussidi ai combustibili fossili, alcuni degli elementi negoziali più difficili che abbiamo sul tavolo in questo momento. Ma al di là della presenza fisica a Sharm El Sheikh o a Bali, è importante capire che le agende del G20 e della COP27 vanno di pari passo, avanzano in parallelo e cercano sinergie, e che l’azione collettiva e la collaborazione inclusiva e multi-livello tra locale, regionale e nazionale, anche tra Paesi sviluppati ed economie emergenti di tutto il mondo, è la soluzione per affrontare l’emergenza climatica in cui viviamo”.

E: Quanto, la guerra in Ucraina e la relativa crisi energetica, possono ridurre il senso di urgenza sul clima?

RT: “Come detto, la guerra illegale della Russia in Ucraina ha messo l’Europa ma anche il mondo intero in una situazione geopolitica molto incerta. L’elevata inflazione e l’impennata dei prezzi dell’energia potrebbero sicuramente rendere la COP27 più impegnativa di qualsiasi altra recente COP. Ma sia chiaro, nessuno di questi aspetti sta sminuendo l’emergenza climatica in cui viviamo. Non c’è tempo da perdere, non possiamo permetterci il lusso di tornare sui nostri impegni nonostante le circostanze difficili. Accelerare la transizione energetica è l’unico modo per ridurre bollette energetiche e affrontare la povertà energetica nel lungo periodo. L’unica sovranità energetica possibile per l’Unione europea è un sistema energetico rinnovabile, decentralizzato e interconnesso”.

E: Come Comitato delle regioni, avete qualche richiesta specifica? E quanto siete fiduciosi che la vostra voce possa essere ascoltata a Sharm-el-Sheik? 

RT: “La natura del Comitato europeo delle regioni è duplice: in quanto organismo dell’UE, i membri del Comitato fanno parte della delegazione ufficiale dell’Unione europea. In quanto tale, siamo informati quotidianamente, insieme al Parlamento europeo, dello stato di avanzamento dei negoziati. Siamo rappresentanti eletti democraticamente ed è nostro dovere tenere conto e fornire responsabilità democratica su come la Commissione europea sta attuando il mandato dell’UE e su come essi mantenere le promesse in termini di ambizione climatica e leadership. Ma il Comitato è anche un membro attivo del Local Governments and Municipal Authorities Constituency (LGMA) delle Nazioni Unite, il gruppo di enti locali e regionali che rappresenta la voce dei governi subnazionali di tutto il mondo. Sia come membri della delegazione dell’UE che del collegio elettorale della Lgma, abbiamo richieste molto specifiche e chiare che riteniamo sarebbero utili per portare avanti il ​​programma di azione globale.

E: Quali?
RT: “Chiediamo alle Parti di coinvolgere gli enti locali e regionali sia nella revisione dei loro Contributi Determinati a livello nazionale (Ndc) sia nella valutazione globale (Gst) dell’Accordo di Parigi e ribadiamo la necessità di un sistema globale per raccogliere e monitorare le città ‘ e le riduzioni delle emissioni di carbonio delle regioni. Ecco perché il Comitato ha proposto il concetto di contributi determinati a livello regionale e locale (Rldc), per integrare gli Ndc a livello globale. Chiediamo inoltre un riconoscimento formale nel quadro normativo dell’Unfccc del ruolo fondamentale dei governi subnazionali nell’accelerare una giusta transizione climatica e invitiamo le Nazioni Unite a organizzare un Forum subnazionale annuale sul clima per il dialogo tra le parti e gli enti locali e regionali nell’UE. Chiediamo inoltre l’accesso diretto ai fondi per i governi subnazionali, nonché assistenza tecnica per facilitare i processi guidati da città e regioni e promuovere gli investimenti pubblico-privato su progetti climatici ed energetici mirati garantendo sostegno ai più vulnerabili in modo da fornire una transizione giusta in partenza nessuno dietro. A Sharm-el-Sheik useremo la nostra voce”.

E: Quale può essere il contributo degli enti locali nell’affrontare il cambiamento climatico?

RT: “Il cambiamento climatico avviene a livello globale, ma colpisce prima a livello locale. Ecco perché le autorità locali, che attuano le politiche climatiche, devono essere formalmente coinvolte nella progettazione di quelle stesse politiche. Non dimentichiamo che i governi subnazionali sono responsabili del l’attuazione del 90 per cento delle misure di adattamento climatico, il 70 per cento delle azioni di mitigazione climatica e il coordinamento del 50 per cento degli investimenti pubblici e del 30 per cento della spesa pubblica, e che sono gli attori più vicini e più idonei per definire l’adattamento e la mitigazione del clima basati sul luogo obiettivi. L’ultimo rapporto IPCC è chiaro. La quota globale di emissioni attribuibili alle aree urbane è in aumento. Nel 2015 si stima che le emissioni urbane rappresentino circa il 62 per cento della quota globale. Nel 2020, la quota globale è stimata tra il 67 e il 72 per cento. I fattori determinanti delle emissioni di gas serra urbane sono complessi e comprendono la dimensione della popolazione, il reddito, lo stato di urbanizzazione e la forma urbana. La battaglia contro il riscaldamento globale sarà vinta – o persa – nelle nostre città. Quindi abbiamo qualcosa da dire a livello delle Nazioni Unite. Il ruolo chiave che le città e le regioni svolgono nella lotta al riscaldamento globale è anche il motivo per cui il Parlamento europeo ha dato il suo sostegno a così tanti dei nostri appelli nella risoluzione COP27 adottata a fine ottobre. In quanto assemblea delle città e delle regioni dell’UE, il CdR è pronto a diventare l’istituzione che coordina la diplomazia climatica subnazionale tra l’UE e i paesi partner”.

ARTICOLI CORRELATI