Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Coronavirus Recovery plan Conferenza Futuro Allargamento UE
Pandemia, frenata cinese e inflazione: i tre rischi per la ripresa UE

Pandemia, frenata cinese e inflazione: i tre rischi per la ripresa UE

Per il 2022 crescita media attesa al 4 per cento, ma l'Ecofin invita alla prudenza. Dombrovskis: "E' giunto il momento di attuare i piani nazionali di ripresa tempestivamente e bene"

Per il 2022 crescita media attesa al 4 per cento, ma l'Ecofin invita alla prudenza. Dombrovskis: "E' giunto il momento di attuare i piani nazionali di ripresa tempestivamente e bene"
L'accesso agli articoli è riservato agli utenti iscritti o abbonati
ISCRIVITI o ABBONATI
Sei già iscritto o abbonato? Effettua il login

ARTICOLI CORRELATI

Eurozona: ecco perché l'aumento dei prezzi è transitorio
Economia
OPINIONI

Eurozona: ecco perché l'aumento dei prezzi è transitorio

Alcuni osservatori hanno dichiarato di percepire la minaccia di un ritorno della stagflazione. Tuttavia, un'analisi approfondita sul trend dell'indice di riferimento dei prezzi al consumo rivela che, se si escludono le componenti più volatili, alimenti ed energia, l'andamento dei prezzi nell'area-euro esprime più una tendenza alla reflazione.
Intesa mancata tra i governi UE sul bando al petrolio russo. I ministri degli Esteri non superano il veto di Orbán
Economia

Intesa mancata tra i governi UE sul bando al petrolio russo. I ministri degli Esteri non superano il veto di Orbán

Dopo ore di confronto al Consiglio Esteri, il sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia torna sul tavolo tecnico degli ambasciatori presso l'UE, che cercheranno nei prossimi giorni di superare il 'no' dell'Ungheria. Budapest porta a Bruxelles le sue preoccupazioni sul fare a meno delle forniture di petrolio importato dalla Russia, mentre il ministro degli Esteri ucraino esorta i governi UE all'unità contro il Cremlino
La Germania si opporrà all'etichetta 'verde' per il nucleare nella tassonomia europea
Economia

La Germania si opporrà all'etichetta 'verde' per il nucleare nella tassonomia europea

Il governo di Berlino formalizza l'intenzione di opporsi (già nell'aria da tempo) al secondo atto delegato del sistema di classificazione degli investimenti sostenibili dell'UE. Una bocciatura in sede di Consiglio è improbabile, nonostante il peso politico della Germania: serve una super maggioranza di 20 Stati su 27. Più verosimile che il documento non passi all'Eurocamera, dove i numeri sono più risicati