HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Corte dei Conti Ue dura con la Bce: deve migliorare la sua gestione delle crisi delle banche
Mario Draghi, governatore della Bce

Corte dei Conti Ue dura con la Bce: deve migliorare la sua gestione delle crisi delle banche

Gli orientamenti sull'individuazione delle crisi "non sono sufficientemente sviluppati", e sebbene ci siano "procedure per individuare le crisi non esiste alcuna serie di indicatori con chiare soglie per determinare il deterioramento di un ente vigilato"

Bruxelles –  La Banca centrale europea dovrebbe migliorare il suo quadro per la gestione delle crisi bancarie, perché al momento presenta dei “difetti” che vanno affrontati. A dirlo è la Corte dei Conti dell’Unione europea.

Secondo la Corte dei conti Ue, sono tanti i punti del quadro Bce a non convincere, ad esempio  l’individuazione delle crisi portata avanti dalla Bce, non è aiutata da “orientamenti” ben definiti. Nella nuova relazione sull’attività della Bce, la Corte sostiene che “gli orientamenti sull’individuazione delle crisi non sono sufficientemente sviluppati” e quindi “non specificano criteri oggettivi” per rendere più efficace l’operatività della gestione. Ci sono procedure per individuare le crisi “ma non esiste alcuna serie di indicatori con chiare soglie per determinare il deterioramento di un ente vigilato”. Fattore che “incide sull’efficienza” dell’attività di Francoforte nel campo della gestione delle crisi bancarie.

L’efficienza operativa risulta poi “ulteriormente compromessa” dal momento che gli orientamenti per le valutazioni di intervento precoce “non sono sufficientemente sviluppati né definiscono criteri o indicatori oggettivi per stabilire se una banca sia entrata in una situazione di crisi”. Stesso discorso vale per la definizione di “to fail or likely to fail”, cioè in dissesto a rischio di dissesto: gli orientamenti su tale definizione “sono carenti per quanto riguarda l’estensione e i livelli di dettaglio”.

In più le “valutazioni di intervento precoce” sono principalmente effettuate nel contesto del ciclo annuale dello Srep (il processo di revisione e valutazione prudenziale) e “non come reazione a elementi che attestano un deterioramento sostanziale delle condizioni finanziarie di una banca”.

La Corte raccomanda quindi alla Bce di “sviluppare ulteriormente le proprie linee guida sulle valutazioni di intervento precoce e definire una serie di indicatori con soglie chiare per determinare un potenziale deterioramento delle condizioni finanziarie di una banca”.

ARTICOLI CORRELATI

Stretta Ue sugli imballaggi, la Commissione propone obiettivi di riuso per ridurre i rifiuti e rassicura l'Italia:
Economia

Stretta Ue sugli imballaggi, la Commissione propone obiettivi di riuso per ridurre i rifiuti e rassicura l'Italia: "Molto è stato fatto, ma vogliamo di più"

Nel quadro del pacchetto sull'economia circolare, la Commissione propone la controversa revisione della direttiva imballaggi che ha destato preoccupazione in Italia. Il vice presidente Timmermans in italiano chiarisce che “nessuno vuole mettere fine alle pratiche di riciclo che funzionano bene o mettere in pericolo gli investimenti”