HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Tajani valuta ricorso a Corte Ue contro annullamento di sanzioni a deputato sessista
Il presidente del Parlamento europeo (sinistra) è deciso a non lasciare impunito il polacco Janusz Korwin-Mikke per le sue affermazioni contro le donne

Tajani valuta ricorso a Corte Ue contro annullamento di sanzioni a deputato sessista

Il presidente del Parlamento europeo ha attivato i servizi giuridici dell'istituzione Ue. "E' mio dovere intervenire contro chi dice che le donne sono esseri inferiori"

Bruxelles – Il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, valuta la possibilità di fare ricorso contro il Tribunale dell’Ue, che ha annullato le sanzioni comminate all’europarlamentare polacco Janusz Korwin-Mikke, per le sue dichiarazioni contro le donne. Korwin-Mikke è stato multato e sospeso dalle funzioni di rappresentanza istituzionale per aver detto in Aula che le donne sono meno intelligenti degli uomini, e che questo giustifica la disparità di trattamento salariale.

Il Tribunale dell’Ue lo scorso 31 maggio ha stabilito che tali affermazioni, per quanto deprecabili, non sono sanzionabili poiché rientrano nell’ambito del mandato parlamentare di Korwin-Mikke e nel principio di libertà di espressione. Tajani però non ci sta. “Ho chiesto al servizio giuridico del Parlamento di valutare la possibilità di presentare ricorso contro la decisione del Tribunale”, ha annunciato a Strasburgo aprendo i lavori della plenaria. “Non rinuncerò mai a difendere l’uguaglianza uomo-donna. Credo che sia dovere sanzionare sempre chi afferma che le donne sono esseri inferiori”.

ARTICOLI CORRELATI