HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Allegri:

Allegri: "Con Cristiano Ronaldo per vincere la Champions"

L'allenatore della Juventus a Bruxelles parla del neo-acquisto bianco-nero. "Un salto di qualità. Quando siamo a questi livelli servono grandi professionisti per raggiungere grandi obiettivi"

Bruxelles – Adesso si può fare. Per dirla alla juventina, si può veramente andare fino alla fine. Meglio ancora, fino in fondo. Provarci è d’obbligo, perché per la Vecchia Signora vincere è l’unica cosa che conta. Sognare è lecito, perché Cristiano Ronaldo è Cristiano Ronaldo. La Juventus lo ha fatto suo, e non per questioni di puro vezzo. “L’obiettivo di vincere la Champions League c’è sempre stato, e certamente l’acquisto di Cristiano Ronaldo ci dà ancora più consapevolezza per raggiungere questo obiettivo”. Parole chiare quelle di Massimiliamo Allegri, tecnico della Juventus a parlare di calciomercato nel giorno in cui porta in Parlamento europeo il progetto “Allenatore Alleato di Salute”, campagna per sensibilizzare ed educare gli allenatori di calcio a fornire insegnamenti di buoni stili di vita ai calciatori in erba.

Cristiano Ronaldo però è Cristiano Ronaldo, come detto. Non parlarne diventa impossibile, specie quando ne parlano già tutti. E’ il colpo dell’estate, che a Vinovo si auspica saprà tradursi nel giusto affare per la causa Juventus. Allegri non sembra avere dubbi, del resto carriera e gesta del calciatore parlano da sole. “E’ un grande professionista, e quando siamo a questi livelli servono grandi professionisti per raggiungere grandi obiettivi”. Naturale quindi considerare l’arrivo di Cristiano Ronaldo “un salto di qualità da parte di tutti, della società e dell’intero ambiente”, di una squadra che pure “ha già fatto grandissime cose”.

Sette scudetti consecutivi negli ultimi sette anni, con cinque finali di coppe Italia (di cui quattro vinte) nello stesso arco temporale, impreziosito da due finali di Champions League. Non è cosa da poco, ma non basta. Si vuole infrangere il tabù europeo per mettere in bacheca la Coppa dei Campioni, naturalmente, ricorda Allegri, “assieme al campionato, alla coppa Italia e alla supercoppa, per cui la Juve ha sempre giocato”.

Si fa sul serio, come sempre del resto, e come solo si fa nella Torino bianco-nera. Con le strategie giuste, convincere il tecnico a rimanere è stato semplice. C’è stato un momento in cui Allegri sembrava dovesse andare da Ronaldo, a Madrid. E’ accaduto il contrario, con CR7 alla corte di Vecchia Signora. “Alla Juventus mi trovo bene”, premette Allegri. “Ringrazio il presidente (del Real Madrid) Florentino Perez che mi aveva cercato, ma il progetto Juventus era un progetto importante e il presidente ha fatto un colpo per il bene delle Juventus e per il bene del calcio italiano”.

Qatar 2022, il Parlamento Ue chiede risarcimenti per le vittime e punta il dito contro la corruzione
Sport

Qatar 2022, il Parlamento Ue chiede risarcimenti per le vittime e punta il dito contro la corruzione "dilagante" della FIFA

In una risoluzione approvata per alzata di mano all'emiciclo di Strasburgo, gli eurodeputati esprimono "cordoglio per le migliaia di vittime" e chiedono che vengano acclarati i responsabili. Sdegno per "gli abusi perpetrati contro la comunità LGBTQ+", con i rappresentanti del M5S che si presentano in aula con la fascia arcobaleno
Polemica per la fascia arcobaleno in Qatar, per la Commissione Ue i diritti LGBTQ+
Sport

Polemica per la fascia arcobaleno in Qatar, per la Commissione Ue i diritti LGBTQ+ "vanno riconosciuti in tutto il mondo". Ferma condanna dal Parlamento

Mentre 7 federazioni calcistiche europee decidono di non indossare la fascia a sostegno della comunità LGBTQ+ e puntano il dito contro la FIFA, per il commissario Ue Margaritis Schinas la manifestazione in Qatar "merita un successo globale". La Commissione chiarisce, "apprezziamo i risultati ottenuti con l'attuazione delle riforme, ma restano problemi di diritti umani e diritti del lavoro". Intanto in Parlamento acceso dibattito sul tema, con la deputata Aubry Manon che indossa la fascia in aula