HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
May vince il voto di fiducia e chiede di incontrare
Westminster, sede della Camera dei Comuni

May vince il voto di fiducia e chiede di incontrare "personalmente" i leader dei partiti

La premier conferma la presentazione di una nuova proposta per lunedì prossimo

Bruxelles – Come previsto la premier Theresa May ha vinto il voto di fiducia chiesto dal leader del’opposizione Jeremy Corbin dopo la pesante sconfitta del governo ieri sera sull’accordo Brexit. 325 deputati hanno confermato fiducia nella prima ministra, 306 hanno votato contro.

Dunque tutto va avanti come previsto, cioè in maniera confusa e in apparenza inconsistente. Parlando dopo il voto May ha insistito sul fatto che il governo ha il dovere di realizzare la Brexit, e che lunedì prossimo presenterà a Westminster una nuova proposta su come procedere verso la separazione dall’Unione europea. Per prepararla ha chiesto di incontrare “personalmente  i leader dei partiti presenti in parlamento” già a partire da questa sera. Non è chiaro se incontrerà anche Corbin, che oggi aveva detto di non voler vedere perché privo di “spirito costruttivo”.

Intanto a sinistra sembra sempre più in difficoltà la leadership di Corbin, sul quale arrivano sempre più pressioni perché si schieri a favore di un secondo referendum. Certo è che la posizione del leader laburista, che non ha mai amato l’Unione europea, è stata in questi mesi poco chiara, più tesa a far cadere il governo che a cercare una via alternativa e più credibile verso la Brexit, o contro la Brexit.

ARTICOLI CORRELATI

Figli di coppie gay e adozioni, per la Commissione Ue il legame di genitorialità va riconosciuto in tutti gli Stati membri
Politica

Figli di coppie gay e adozioni, per la Commissione Ue il legame di genitorialità va riconosciuto in tutti gli Stati membri

Il commissario Ue per la Giustizia, Didier Reynders, ha presentato la proposta per armonizzare le norme "a tutela dei diritti dei minori" nelle famiglie in situazioni transfrontaliere: se uno Stato membro stabilisce la genitorialità, tutti gli altri Paesi Ue dovranno riconoscerla, a prescindere dall'orientamento sessuale dei genitori e dal modo in cui viene concepito il figlio