HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
Lagarde agli Stati:
La presidente della BCE, Christine Lagarde, nel corso del suo intervento nell'Aula del Parlamento europeo [Strasburgo, 11 febbraio 2020]

Lagarde agli Stati: "Finanziate il Green deal, contribuisce alla crescita"

La presidente della BCE nell'Aula dell'europarlamento dalla sua elezione dà un contributo non indifferente al dibattito sul bilancio pluriennale dell'UE. Nuovo monito sulle riforme: non può esserci solo politica monetaria

Bruxelles – I soldi per finanziare le politiche di sostenibilità vanno trovati e resi disponibili. A dirlo, stavolta, è la presidente della Banca centrale europea. Fino ad oggi l’appello è stato lanciato dalla presidente dell’esecutivo comunitario, Ursula von der Leyen, ‘madre’ del piano. E’ stato lanciato dal presidente del Parlamento, David Sassoli, e pure dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Ma a rivolgersi ai governi dell’Unione questa volta è Christine Lagarde. Un intervento, quello nell’Aula del Parlamento europeo, che miglior tempismo non potrebbe avere. La prossima settimana i leader dell’UE si ritroveranno a Bruxelles per discutere di bilancio pluriennale, dove ancora ci si divide.

Il Green deal europeo e le iniziative nazionali per finanziare la transizione ecologica potrebbero accrescere le dinamiche di produttività contribuendo ad una crescita più forte e sostenibile”. Il messaggio di Lagarde è chiaro: la riconversione del modello produttivo comune in chiave eco-sostenibile è un insieme di riforme strutturali che, proprio per questo, possono aiutare i Paesi dell’area euro e le loro economie.

Lagarde torna a recitare il mantra della necessità delle azioni nazionali da affiancare alle politiche della BCE. Ricorda ancora una volta quanto l’Eurotower abbia fatto in questi anni per salvaguardare la tenuta dell’eurozona. “Ma la politica monetaria non può e non dovrebbe essere l’unica attività. Anche altre aree di politica, in particolare di conti pubblici e strutturale, devono fare la loro parte”. Perché queste politiche, insiste, “possono stimolare la crescita della produttività e aumentare il potenziale di crescita, sostenendo in tal modo l’efficacia delle nostre misure”.

A ricordare che BCE e governi devono lavorare di concerto c’è anche la politica di sostenibilità. La Banca centrale europea, ricorda Lagarde agli europarlamentari, “sta monitorando” i rischi sistemici derivanti dai cambiamenti climatici e dalla transizione verso un’economia a emissioni zero. Questo lavoro alla fine “ci consentirà di testare la capacità del settore bancario dell’area dell’euro di resistere ai rischi legati al clima”. Sempre più la BCE prenderà in considerazione i cambiamenti climatici per far sì che i suoi effetti “si riflettano meglio nelle nostre analisi economiche, modelli e metodi di previsione”.

ARTICOLI CORRELATI

Parigi e Berlino in 'missione' a Washington prima del Vertice Ue. A Bruxelles sfuma l'idea di nuovo debito comune per il Piano industriale green
Economia

Parigi e Berlino in 'missione' a Washington prima del Vertice Ue. A Bruxelles sfuma l'idea di nuovo debito comune per il Piano industriale green

I Ventisette su posizioni distanti prima del Vertice Ue che giovedì e venerdì riunirà i leader nella capitale belga per discutere della risposta al piano Usa contro l'inflazione. Le Maire e Habeck incontreranno domani il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen per cercare di negoziare aggiustamenti al grande piano americano
L'Unione europea trova l'accordo sul tetto al prezzo del petrolio raffinato russo
Economia

L'Unione europea trova l'accordo sul tetto al prezzo del petrolio raffinato russo

Intesa sul filo di lana tra gli ambasciatori Ue per ‘price cap’ a 100 dollari al barile per i prodotti derivati cosiddetti ‘di alta qualità’ (high value), come diesel e benzina, e 45 dollari al barile per i prodotti di bassa qualità, come gli oli combustibili. Dopo la procedura formale, il tetto sarà in vigore da domenica 5 febbraio insieme all'embargo europeo sugli stessi prodotti raffinati