HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
L'UE aggiorna la lista nera dei paradisi fiscali

L'UE aggiorna la lista nera dei paradisi fiscali

Oltre la metà di quelli inseriti nel 2019 ne sono usciti, ma qualcuno nuovo è entrato

Bruxelles – I ministri delle finanze dell’UE hanno aggiornato oggi l’elenco delle giurisdizioni fiscali non cooperative. Quattro paesi o territori (le Isole Cayman, Palau, Panama e Seychelles) sono stati aggiunti all’elenco delle amministrazioni che non hanno soddisfatto gli standard richiesti entro i termini previsti.

Questi quattro si uniscono alle otto giurisdizioni (Samoa americane, Figi, Guam, Samoa, Oman, Trinidad e Tobago, Vanuatu e Isole Vergini americane) che erano già nella lista e continuano a non essere all’altezza degli standard. D’altra parte, oltre la metà dei paesi che sono stati inseriti nell’elenco del 2019 (Antigua e Barbuda, Armenia, Bahamas, Barbados, Belize, Bermuda, Isole Vergini britanniche, Capo Verde, Isole Cook, Curaçao, Isole Marshall, Montenegro, Nauru, Niue, Saint Kitts e Nevis, Vietnam)  sono stati ora esclusi, poiché hanno rispettato tutti gli standard di buon governo fiscale.

“Il lavoro sulla lista delle giurisdizioni non cooperative a fini fiscali si basa su un processo approfondito di valutazione, monitoraggio e dialogo con circa 70 giurisdizioni di paesi terzi. Da quando abbiamo avviato questo esercizio, 49 paesi hanno attuato le riforme fiscali necessarie per conformarsi ai criteri dell’UE. È un successo innegabile e, al tempo stesso, un work in progress, un processo dinamico che vede un riesame costante dei nostri metodi e criteri”, ha dichiarato Zdravko Marić, vice primo ministro e ministro delle Finanze della Croazia.

A seguito dell’aggiornamento, Paolo Gentiloni, commissario per l’Economia, ha spiegato che “l’elenco sta contribuendo a migliorare significativamente la trasparenza fiscale a livello globale. Ad oggi, abbiamo esaminato i sistemi fiscali di 95 paesi e la maggior parte di essi ora soddisfa i nostri standard di buona governance”. Il commissario ha aggiunto che “questo processo ha portato all’eliminazione di oltre 120 regimi fiscali dannosi in tutto il mondo e decine di paesi hanno iniziato ad applicare gli standard di trasparenza fiscale. I nostri cittadini si aspettano che le persone fisiche e giuridiche più ricche paghino la loro parte equa dell’imposta e che qualsiasi giurisdizione che consenta loro di evitare tale obbligo dovrà sopportarne le conseguenze. Le decisioni odierne mostrano che l’UE è fermamente impegnata a trasformare questo processo in realtà”.