HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Energia rinnovabile offshore: la Commissione chiede il parere dei cittadini e delle aziende
Turbine a vento off shore

Energia rinnovabile offshore: la Commissione chiede il parere dei cittadini e delle aziende

"Parte cruciale del Green Deal europeo e del pacchetto di recupero NextGenerationEU, contribuirà a creare posti di lavoro e aumentare gli investimenti mentre implementiamo nuove tecnologie pulite in tutta l'UE"

Bruxelles – La Commissione europea ha avviato una consultazione pubblica sulla sua futura strategia dell’UE in materia di energia rinnovabile offshore, che sarà adottata entro la fine dell’anno.

La strategia sosterrà lo sviluppo e l’integrazione delle fonti offshore nel mix energetico dell’UE, per sostenere le ambizioni climatiche europee per il 2030 e il 2050. Si definirà un nuovo approccio per lo sfruttamento del potenziale europeo di energia rinnovabile offshore in modo sostenibile e inclusivo che contribuisca a superare le barriere esistenti.

Questa, spiega la Commissione, “è una parte cruciale del Green Deal europeo e del pacchetto di recupero NextGenerationEU, contribuirà a creare posti di lavoro e aumentare gli investimenti mentre implementiamo nuove tecnologie pulite in tutta l’UE. Il potenziamento della produzione di energia domestica contribuirà a fornire energia a prezzi accessibili ai nostri cittadini e rafforzerà la resilienza e la sicurezza dell’approvvigionamento dell’Europa”.

Il commissario per l’Energia, Kadri Simson, ha spiegato che : “Per raggiungere la neutralità climatica entro il 2050, dobbiamo aumentare la produzione di energia offshore dell’UE venti volte. Ciò significa rendere più semplice la costruzione di parchi eolici offshore su larga scala in modo ecosostenibile”. Secondo il progetto, aggiunge il commissario, “dobbiamo anche sfruttare il potenziale di altre fonti rinnovabili come l’energia solare offshore, nonché nuove opportunità di energia delle maree e degli oceani”.

La consultazione pubblica si svolgerà fino al 24 settembre.