HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Coronavirus, vaccino Pfizer

Coronavirus, vaccino Pfizer "efficace al 90%". Commissione Ue punta a 300 mln di dosi per gli Stati membri

Risultati promettenti sulla terza fase di sperimentazione in corso. L'Esecutivo ha già concluso i colloqui esplorativi, la presidente von der Leyen: "Presto firmeremo il contratto di acquisto"

Bruxelles – Progressi nella sperimentazione anti-Covid. Il vaccino sperimentale sviluppato dalla società farmaceutica statunitense Pfizer e la tedesca BioNTech è risultato essere efficace più del 90% nel prevenire la malattia Covid-19, dicono i produttori.

Questo secondo una prima analisi preliminare sulla terza (e ultima) fase di sperimentazione del potenziale vaccino, alla quale hanno partecipato 43.538 volontari dei quali 38.955 hanno ricevuto la seconda dose, del vaccino o del placebo, l’8 novembre. L’analisi effettuata ha fatto emergere che 94 partecipanti allo studio avevano confermato di aver contratto la malattia, ma lo studio continuerà fino a che non ci saranno 164 casi confermati al fine di raccogliere ulteriori dati, che oggi non sono molti. 

“Oggi è un grande giorno per la scienza e l’umanità. La prima serie di risultati del nostro studio di fase 3 sul vaccino COVID-19 fornisce la prova iniziale della capacità del nostro vaccino di prevenire COVID-19 “, ha affermato Albert Bourla, presidente e CEO di Pfizer. Sulla base delle attuali proiezioni, le due società farmaceutiche prevedono di produrre a livello globale fino a 50 milioni di dosi di vaccino nel 2020 e fino a 1,3 miliardi di dosi nel 2021. Il vaccino di Pfizer è uno di quelli più avanti nella sperimentazione. Attualmente, secondo un rapporto dell’Organizzazione mondiale della Sanità, ci sono 47 potenziali vaccini in sperimentazione e solo 10 hanno già raggiunto la fase tre. 

Per l’Unione Europea è corsa all’acquisto anticipato con diversi produttori per accaparrarsi una quantità di dosi sufficiente a distribuirle agli Stati membri in base alla loro popolazione. Il 9 settembre la Commissione europea ha concluso i primi colloqui esplorativi anche con BioNTech-Pfizer a nome degli Stati membri dell’UE per l’acquisto di 200 milioni di dosi per conto di tutti gli Stati membri dell’UE, più un’opzione per acquistare fino a ulteriori 100 milioni di dosi, da fornire una volta che il vaccino avrà dimostrato per essere sicuro ed efficace contro il Coronavirus. Ursula von der Leyen, subito dopo aver appreso la notizia, ha confermato che la Commissione è impegnata a chiudere il contratto il prima possibile per l’acquisto anticipato del vaccino sviluppato. Aggiornamento: Il 10 novembre la Commissione ha annunciato che domani, 11 novembre, sarà dato il via libera al contratto.

La Commissione ha firmato contratti di pre-acquisto di dosi di vaccino con le tre compagnie farmaceutiche AstraZeneca, Sanofi-Gsk e Johnson & Johnson.

ARTICOLI CORRELATI