HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
Legge clima, commissione Ambiente approva i nuovi target sulle emissioni al 2030 e 2050
Pascal Canfin, presidente della Commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (ENVI) del Parlamento europeo

Legge clima, commissione Ambiente approva i nuovi target sulle emissioni al 2030 e 2050

La commissione parlamentare ha dato l'ok con 52 voti favorevoli, 24 contrari, 4 astensioni. Prossimo passaggio in sessione plenaria del Parlamento UE, presumibilmente a fine giugno

Bruxelles – Nessun colpo di scena. Dopo il via libera degli Stati, oggi anche la commissione parlamentare per l’Ambiente (ENVI) ha dato l’ok con 52 voti favorevoli, 24 contrari, 4 astensioni all’accordo politico sulla Legge clima europea, raggiunto lo scorso 21 aprile tra il Parlamento europeo e la Presidenza del Consiglio del Portogallo, di turno alla guida dell’UE. Ad annunciarlo, il presidente di commissione, l’eurodeputato di Renew Europe, Pascal Canfin. L’ultimo passaggio formale prima di approdare sul tavolo dell’intero Parlamento UE a fine giugno, durante una mini-sessione plenaria. Dopo il voto in plenaria, il Consiglio dovrà adottare il testo (pubblicato la settimana scorsa) in maniera formale.

Un passaggio scontato, ma che continua a suscitare le critiche. A non sostenere la Legge perché ritenuta troppo poco ambiziosa è in primis il gruppo ecologista dei Verdi Europei.“Così com’è, l’accordo è del tutto insufficiente ad affrontare la crisi climatica come professato dal Green Deal europeo. Invece, ancora una volta hanno prevalso gli interessi delle lobby del fossile, scegliendo un compromesso al ribasso che ha il sapore amaro degli obiettivi disattesi”, commenta l’eurodeputata italiana Eleonora Evi. Come i Verdi, anche la Sinistra radicale e l’estrema destra (ID) hanno votato contro mentre la destra (PPE), i socialisti (S&D) e il gruppo Renew hanno sostenuto l’accordo. 

La legge climatica europea – pilastro giuridico del Green Deal – renderà giuridicamente vincolanti gli obiettivi climatici dell’UE, quelli a medio termine (riduzione delle emissioni del 55 per cento entro il 2030, rispetto ai livelli 1990) e a lungo termine (zero emissioni nette nel 2050). La Legge climatica apre la strada al pacchetto legislativo sul clima “fit-for-55″, che la Commissione Europea presenterà il 14 luglio, non più a giugno come inizialmente previsto, per lasciare alla Commissione il tempo di valutare con attenzione i piani nazionali di ripresa e resilienza (PNRR), che gli Stati membri hanno iniziato a presentare a Bruxelles nelle scorse settimane. Le nuove proposte includeranno tra le altre cose nuovi standard di CO2 delle auto, un nuovo meccanismo di adeguamento del carbonio (la cosiddetta tassa sul carbonio alle frontiere), oltre che nuovi obiettivi per l’energia rinnovabile.

ARTICOLI CORRELATI

Clima, la Germania verso la neutralità carbonica entro il 2045 dopo la
Green Economy

Clima, la Germania verso la neutralità carbonica entro il 2045 dopo la "bocciatura" della Corte suprema

Berlino fissa target più ambiziosi dopo che la Corte costituzionale ha definito insufficienti quelli della legge del 2019. La prossima settimana atteso un nuovo disegno di legge con tappe serrate: - 65% delle emissioni di gas serra entro il 2030 (rispetto ai livelli del 1990), -88% entro il 2040 per puntare alle emissioni nette zero entro il 2045, e non più per il 2050. Cinque anni prima sulla tabella di marcia di Bruxelles. Sui conservatori pesa l'avanzata dei Verdi in vista delle elezioni di settembre
Farm to Fork, la sfida della sostenibilità tra allevamento e alimentazione:
Agricoltura

Farm to Fork, la sfida della sostenibilità tra allevamento e alimentazione: "Approccio solo ideologico è rischio per la filiera"

Il dibattito con Commissione e Parlamento europeo sul ruolo della filiera zootecnica nella transizione 'verde' del settore agroalimentare durante lo Smart Event 'Food and Farming: what future for Europe?' (Alimentazione e Allevamento: chi decide il futuro per l'Europa?), organizzato da Eunews in collaborazione con Carni Sostenibili European Livestock Voice