HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Fit for 55 Energia Hge Agrifood Salute
Balzo avanti del

Balzo avanti del "sentiment" economico delle aziende tedesche

L'indice dell'Istituto IFO sul clima aziendale è passato da 96,6 punti ad aprile a 99,2 punti a maggio

Bruxelles – Il “sentiment ” tra i manager tedeschi è notevolmente migliorato. L’indice dell’Istituto IFO sul clima aziendale è passato da 96,6 punti ad aprile a 99,2 punti a maggio. Questo è il valore più alto da maggio 2019. Le aziende sono più soddisfatte della loro attuale situazione e sono anche più ottimiste riguardo ai prossimi mesi. L’economia tedesca sta prendendo velocità.

Nel settore manifatturiero, l’indice è leggermente aumentato. Le aspettative hanno subito un duro colpo nei mesi scorsi, ma sono rimaste positive. Il portafoglio ordini è cresciuto e le aziende si aspettano che i prezzi aumentino.

Nel settore dei servizi, l’indice del clima aziendale è salito al suo valore più alto dal febbraio 2020. Ciò è stato il risultato di aspettative molto più ottimistiche. Migliorano anche i giudizi sulla situazione attuale, con un ritorno di ottimismo all’ospitalità e al turismo in particolare.

L’indice è balzato al rialzo anche nel commercio. Le aziende sono soddisfatte della loro situazione attuale. Un cauto ottimismo è tornato anche nelle loro aspettative. Mentre i grossisti continuano a beneficiare degli sviluppi positivi nella produzione, i rivenditori sperano che l’economia si aprirà ulteriormente.

Nel settore edile, il clima imprenditoriale è migliorato, le aspettative sono meno pessimistiche. Tuttavia, la carenza di materiale è diventata una preoccupazione ancora più pressante.

I problemi dell'Italia con Bruxelles sul PNRR. Il governo
Economia

I problemi dell'Italia con Bruxelles sul PNRR. Il governo "al lavoro" sulla relazione con proposte di modifica

"Non ci sono timori, c'è consapevolezza della situazione sulla quale stiamo lavorando molto serenamente in collaborazione con la Commissione europea", assicura il ministro per gli Affari europei e il Pnrr, Raffaele Fitto. Ma sull'Italia grava ancora il ritardo sulla terza rata e una 'verifica' che sta facendo la Commissione sull'ammissibilità di alcuni progetti