HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
Biodiversità, l'UE verso un nuovo obiettivo comune di protezione delle api dall'uso dei pesticidi

Biodiversità, l'UE verso un nuovo obiettivo comune di protezione delle api dall'uso dei pesticidi

I ministri dell'Agricoltura spingono per un nuovo approccio "realistico " per la protezione degli insetti. La Commissione disposta a fissare al 10 per cento la riduzione massima delle dimensioni delle colonie. Italia, Francia e Paesi Bassi chiedono obiettivi più stringenti

Bruxelles – La Commissione europea proporrà un nuovo obiettivo comune di protezione delle api da miele dall’uso dei pesticidi in agricoltura, che fisserà al 10 per cento la riduzione massima delle dimensioni delle colonie esposte all’uso di queste sostanze attive. Lo ha detto la commissaria europea per la Salute e la sicurezza alimentare, Stella Kyriakides, nel corso del Consiglio dei ministri dell’agricoltura in corso ieri e oggi (28 e 29 giugno) a Lussemburgo.

Stefano Patuanelli

I ministri europei per l’Agricoltura hanno concluso ieri (28 giugno in serata di dover accrescere le ambizioni dell’UE in termini di protezione degli impollinatori più famosi, garantendo al contempo che l’attuazione delle misure sia “realizzabile per gli Stati membri”. Alcuni Paesi – tra cui l’Italia, rappresentata dal ministro per le Politiche agricole Stefano Patuanelli, la Francia e i Paesi Bassi – hanno sostenuto obiettivi ancora più stringenti per una riduzione massima del 7 per cento delle colonie di api in UE. “Se parliamo di protezione di biodiversità non possiamo non parlare di protezione delle api da miele”, ha detto Patuanelli nel suo intervento durante la sessione pubblica. “Riteniamo che non si possa superare la soglia del 7 per cento di perdite accettabili delle dimensioni delle colonie di api dovute all’impatto dei pesticidi”.

Stella Kyriakides

Ma la maggior parte degli Stati membri opta per un obiettivo al 10 per cento, che anche secondo la commissaria Kyriakides “è un obiettivo realistico, gli studi dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) lo dimostrano”. Per cui la Commissione si orienterà in questo senso. Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), le api impollinano 71 delle 100 colture che forniscono il 90 per cento degli alimenti a livello mondiale e quindi sono anche necessari per la sicurezza alimentare. Negli ultimi 10-15 anni – secondo l’EFSA – gli apicoltori europei hanno segnalato una insolita diminuzione del numero di api e perdite di colonie, in molti Paesi dell’Europa occidentale, tra cui Italia, Francia, Belgio, Svizzera, Germania, Regno Unito, Paesi Bassi, e Spagna. Non è stata individuata una causa unica per la diminuzione del numero di api e colonie, ma l’Agenzia europea con sede a Parma indica diversi fattori che possono agire insieme, tra cui agricoltura intensiva e soprattutto l’uso di pesticidi, lo scarso nutrimento a disposizione delle api, i virus, gli attacchi di agenti patogeni.

A fine maggio la stessa Commissione Europea ha fatto un primo punto sulle misure messe in campo per prevenirne declino ed estinzione, evidenziando che queste misure non sono sufficienti soprattutto sull’impatto dei pesticidi su tutta la biosfera. Tra gli obiettivi centrali delle due strategie per la Biodiversità e Farm to Fork – pubblicate a marzo 2020 – anche la riduzione del 50 per cento dell’uso e del rischio di pesticidi e una riduzione di almeno il 20 per cento dell’uso di fertilizzanti in agricoltura.

ARTICOLI CORRELATI

PAC, i ministri dell'UE sostengono il compromesso di riforma mentre i Verdi europei minacciano di affossarlo
Agricoltura

PAC, i ministri dell'UE sostengono il compromesso di riforma mentre i Verdi europei minacciano di affossarlo

Primo via libera del Consiglio UE all'accordo sulla riforma della PAC (2023-2027). Il ministro Patuanelli: "Ora spetta agli Stati membri creare piani strategici coerenti con le finalità della PAC". La parola passa al Parlamento europeo, dove il gruppo ecologista sostenuto dall'attivista Greta Thunberg chiede agli eurodeputati progressisti di bocciare il compromesso
Farm to Fork, calo dei pesticidi chimici in UE in linea con gli obiettivi della strategia
Agricoltura

Farm to Fork, calo dei pesticidi chimici in UE in linea con gli obiettivi della strategia

Nel 2018 l'Unione Europea ha registrato una riduzione dell'8 per cento nell'uso e nel rischio di pesticidi chimici e un'ulteriore riduzione del 5 per cento nel 2019, rispetto al periodo di riferimento 2015-2017. Nel quadro della Strategia Farm to Fork, Bruxelles pubblica la prima di una serie di valutazioni annuali che farà per tenere d'occhio i progressi verso il raggiungimento degli obiettivi sui pesticidi fissati dalla strategia: -50 per cento nell'uso e del rischio di pesticidi chimici e -50 per cento nell'uso di pesticidi più pericolosi
Biodiversità, le misure messe in campo dall'UE per proteggere api e impollinatori sono insufficienti
Agricoltura

Biodiversità, le misure messe in campo dall'UE per proteggere api e impollinatori sono insufficienti

"Necessità di intervento urgente" per far fronte al declino di api e altri impollinatori nell'UE. La valutazione sulla prima iniziativa per gli impollinatori lanciata dalla Commissione nel 2018 "per sensibilizzare sul tema, informare sul declino degli impollinatori e contrastarne le cause". Serve fare di più per contrastare la perdita di habitat nei paesaggi agricoli e l'impatto dei pesticidi
Stretta Ue sui pesticidi per proteggere gli impollinatori
Agricoltura

Stretta Ue sui pesticidi per proteggere gli impollinatori

La Commissione europea ha adottato nuove norme per abbassare i livelli massimi di residui (LMR) di due pesticidi negli alimenti, due sostanze chimiche, appartenenti al gruppo dei pesticidi neonicotinoidi, clothianidin e thiamethoxam, appartenenti al gruppo dei pesticidi neonicotinoidi