Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina NATO Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Piani strategici PAC, Bruxelles chiede all'Italia e agli altri di adeguarli alla guerra
Janusz Wojciechowski

Piani strategici PAC, Bruxelles chiede all'Italia e agli altri di adeguarli alla guerra

La Commissione invia le osservazioni a 19 Stati membri, compresa Roma, e si aspetta "prima possibile" la versione "rivista" dei piani nazionali alla luce dell'invasione e la necessità di garantire la sicurezza alimentare dell'UE. Ai governi concessi 60 giorni di tempo per una risposta

La Commissione invia le osservazioni a 19 Stati membri, compresa Roma, e si aspetta "prima possibile" la versione "rivista" dei piani nazionali alla luce dell'invasione e la necessità di garantire la sicurezza alimentare dell'UE. Ai governi concessi 60 giorni di tempo per una risposta
L'accesso agli articoli è riservato agli utenti iscritti o abbonati
ISCRIVITI o ABBONATI
Sei già iscritto o abbonato? Effettua il login

ARTICOLI CORRELATI

Patuanelli a Eunews:
Agricoltura

Patuanelli a Eunews: "Valutiamo il rinvio dell'entrata in vigore della nuova Pac". Ma la Commissione Europea frena

Il ministro delle politiche agricole intervistato dal direttore di Eunews, Lorenzo Robustelli, all'evento "Nuova PAC, quale futuro per l’agroalimentare europeo?" propone il rinvio al 2024 e sottolinea che sarebbe un errore apportare "modifiche strutturali" ai piani strategici. Per sostenere il comparto dalla crisi ucraina evoca un "energy fund" sulla scia del Next Generation Eu
Bruxelles mette in pausa la rotazione delle colture per aumentare la produzione di cereali
Agricoltura

Bruxelles mette in pausa la rotazione delle colture per aumentare la produzione di cereali

Adottata la deroga temporanea alle norme sulla rotazione delle colture e sul mantenimento di elementi non produttivi sui terreni coltivabili per aumentare la capacità produttiva dell'Ue per i cereali destinati ai prodotti alimentari. Bruxelles stima di poter riportare in produzione 1,5 milioni di ettari rispetto ad oggi, gli Stati e gli agricoltori potranno decidere se farvi ricorso