Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Elezioni 2022 Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
INTERVISTA / Anna Cavazzini:

INTERVISTA / Anna Cavazzini: "Diritto UE alla riparazione diventi una storia di successo, per consumatori e produttori"

La presidente della commissione per il Mercato interno (IMCO) del Parlamento Europeo a GEA - Green Economy Agency: "Nella proposta della Commissione serve un indice di riparazione, oltre a incentivi e accesso a pezzi di ricambio. Sull'obsolescenza programmata, va ribaltato l'onere della prova sui produttori"

Bruxelles – Contro le pratiche sleali in campo tecnologico e l’obsolescenza programmata dei prodotti elettronici, il diritto alla riparazione può diventare il perno della strategia dell’Unione Europea. Ma può rappresentare anche un freno a uno spreco di rifiuti elettronici che ormai ammonta a 11 mila tonnellate ogni anno nell’UE. In attesa della proposta della Commissione Europea – annunciata dal gabinetto guidato da Ursula von der Leyen entro l’autunno 2022 – sono gli eurodeputati a voler fare da pungolo per alzare il più in alto possibile l’asticella delle ambizioni comunitarie. In particolare è questa l’intenzione della presidente della commissione per il Mercato interno e la protezione dei consumatori (IMCO) del Parlamento UE e relatrice sul diritto alla riparazione, Anna Cavazzini. In un’intervista rilasciata all’agenzia stampa GEA – Green Economy Agency del gruppo Hub Editoriale (di cui Eunews fa parte), l’eurodeputata tedesca del gruppo Verdi ha spiegato quali sono le prerogative dell’Eurocamera e come fare di questa iniziativa un vero punto di svolta per i diritti dei cittadini dell’Unione.

Eunews: Presidente Cavazzini, qual è la linea rossa per il Parlamento Europeo in vista dell’imminente proposta della Commissione sul diritto alla riparazione?

Cavazzini: Il Parlamento ha definito chiaramente la sua posizione, ci aspettiamo che la Commissione si occupi del nucleo centrale del diritto alla riparazione, ovvero l’accesso ai pezzi di ricambio e ai manuali per gli attori del settore, compresi i consumatori. Abbiamo bisogno di migliori informazioni sulla durata e sulla riparabilità per consentire acquisti sostenibili. Allo stesso tempo, gli incentivi alla riparazione, anziché alla sostituzione, devono trovare riscontro nelle garanzie, nella responsabilità estesa del produttore e negli appalti pubblici.

E.: Quale parte della proposta rischia di essere la più critica?

C.: Dobbiamo fare in modo che i prodotti facilmente riparabili diventino una storia di successo non solo per i consumatori e il pianeta, ma anche per le imprese, i commercianti e i produttori. Abbiamo bisogno di un indice di riparazione che convinca i consumatori a spendere un po’ di più al momento dell’acquisto, ma solo se il prodotto dura di più. Questa richiesta sarà un incentivo per le aziende a passare alla riparabilità in fase di progettazione.

E.: C’è il pericolo che l’obsolescenza programmata rimanga nella pratica?

C.: L’obsolescenza programmata è particolarmente difficile da bandire, poiché molti operatori del settore ne negano l’esistenza. Inoltre, attualmente è il consumatore a doverla dimostrare. Ecco perché è necessaria un’inversione dell’onere della prova sul produttore, oltre all’inclusione dell’obsolescenza programmata nell’elenco delle pratiche commerciali sleali.

E.: A oggi abbiamo però una proposta della Commissione sulla modifica della direttiva sui diritti dei consumatori, a proposito della durata e riparabilità dei prodotti. Qual è la sua opinione?

C.: La proposta della Commissione sull’aggiornamento dei diritti dei consumatori va nella giusta direzione: le scelte sostenibili promuoveranno la transizione verde e l’economia circolare. Anche per quanto riguarda la riparabilità e la durata dei prodotti , le informazioni affidabili per i consumatori sono fondamentali. Siamo anche soddisfatti di vedere che la Commissione sta affrontando la questione dell’obsolescenza programmata, anche noi vorremmo un divieto totale.

E.: Quali altre iniziative possono essere adottate per implementare il concetto di diritto alla riparazione?

C.: Alcuni degli elementi fondamentali del diritto alla riparazione possono essere affrontati modificando, per esempio, la direttiva sulle vendite di beni che regola le garanzie: in caso di rottura di un prodotto, l’opzione della riparazione dovrebbe essere preferibile alla sostituzione. Servono poi ulteriori incentivi per rendere la riparazione la prima scelta dei consumatori, attualmente è troppo costosa e troppo lenta.

E.: E come risolvere il problema dei costi?

C.: Può essere affrontato a livello di Stati membri. Per esempio, attraverso la riduzione dell’IVA per i servizi di riparazione. Il ritmo delle riparazioni sarà più veloce quando questo mercato non sarà più disfunzionale e ci saranno più attori, non solo le officine autorizzate.

E.: Un’ultima domanda. Come possiamo stimare il contributo del diritto alla riparazione al Green Deal europeo?

C.: Il diritto alla riparazione funziona su entrambi i fronti nella transizione verso un’economia circolare. Da una parte, consente ai consumatori di riparare invece di buttare e comprare di più. Dall’altra, si risparmiano risorse mantenendo i prodotti in uso più a lungo. Insieme al riciclo alla fine del ciclo di vita, è un elemento tangibile del Green Deal europeo, che contribuirà a proteggere il clima e l’ambiente.

ARTICOLI CORRELATI