HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Coronavirus Fit for 55 Energia Hge Agrifood
Una folta delegazione del Ppe incontra a Roma i vertici dell'Ordine di Malta
Fra’ John T. Dunlap

Una folta delegazione del Ppe incontra a Roma i vertici dell'Ordine di Malta

Sottolineata la comunanza di aree di intervento tra Smom e Eurocamera. Il Gran Maestro Dunlap: “Un momento delicato per l’Europa”. Anche il ministro Tajani è stato presente

Roma – Il Gran Maestro dell’Ordine di Malta, Fra’ John Dunlap, ha ricevuto ieri circa 100 parlamentari europei del Partito popolare alla Villa Magistrale, sull’Aventino, a Roma, per un dibattito su “Cristianesimo, Europa e la sua missione nel mondo”.

L’incontro ha offerto l’opportunità di un dibattito approfondito sul ruolo dei valori cristiani nei processi di integrazione europea, nella risposta alle sfide poste dall’invasione russa dell’Ucraina, nella gestione dei flussi migratori, e sul contributo che possono offrire per creare un clima di sincera solidarietà e fratellanza nel contesto europeo. Anche il ministro degli Esteri italiano, Antonio Tajani, si è unito all’evento del Ppe in serata.

“Cogliamo l’importanza e la valenza del vostro incontro qui – ha detto Dunlap nel suo discorso di benvenuto – perché avviene in un momento molto delicato e doloroso per l’Europa. La guerra che infuria in Ucraina sta mietendo un numero enorme di vittime, soprattutto tra la popolazione civile, e sta causando la distruzione di villaggi, fabbriche e chiese”. Il Gran Maestro ha poi spiegato che “come Ordine di Malta, abbiamo cercato di fare del nostro meglio per garantire sostegno alle migliaia di persone sfollate nei Paesi vicini e nella stessa Ucraina attraverso il nostro Corpo di volontari e grazie alla generosità di molti nostri membri, dei Gran Priorati e delle Associazioni nazionali”.

Guidati dal presidente del Ppe, Manfred Weber, gli europarlamentari hanno ascoltato gli interventi del Cardinale Leonardo Sandri, Vicedecano del Collegio dei Cardinali, di Monsignor Mariano Crociata, Presidente della Commissione degli Episcopati dell’Unione Europea, di Monsignor Miroslaw Wachowski, Sottosegretario per i Rapporti con gli Stati della Santa Sede, e di Riccardo Paternò di Montecupo, Gran Cancelliere dell’Ordine di Malta, ha sottolineato davanti ai deputati che “il primo e più importante obiettivo che l’Europa deve perseguire è quello di diffondere il messaggio cristiano, un forte antidoto alle tragedie di cui siamo testimoni ogni giorno. Questo è un tema su cui l’Europa può svolgere un ruolo cruciale e fare la differenza. E questa è la ragione per cui questo seminario è estremamente attuale. Mi riferisco, più in generale, ai valori della pace, del dialogo, della tolleranza, del rispetto della dignità umana, dell’uguaglianza e della solidarietà”.

La delegazione si riunirà oggi all’Auditorium della Conciliazione e avrà diversi incontri in Vaticano.

Alla vigilia del seminario, Fra’ John Dunlap ha rilasciato un’intervista al quotidiano cattolico Avvenire, spiegando che l’Ordine di Malta opera in molti ambiti che sono oggetto del Parlamento europeo: “Penso all’accoglienza di rifugiati e migranti, all’assistenza sanitaria, alla cura dei minori non accompagnati e dei senzatetto, e alle case di cura per gli anziani. Gli ambiti di interazione sono davvero numerosi. E quindi quanto più l’Ordine di Malta è messo in condizione di comprendere quali sono i progetti e le grandi linee guida del Parlamento europeo, tanto più saremo in grado di affiancare e di interagire, offrendo il nostro contribuito alla costruzione di una società più fraterna e solidale”.

Fondi Ue dedicati allo sviluppo utilizzati per il controllo delle frontiere in Africa. L'accusa di Oxfam all'Unione europea
Politica Estera

Fondi Ue dedicati allo sviluppo utilizzati per il controllo delle frontiere in Africa. L'accusa di Oxfam all'Unione europea

Secondo un nuovo rapporto 667 milioni di euro dal budget Ndici-Global Europe sono stati orientati ad attività che "mettono a rischio il rispetto dei diritti umani dei migranti". Dito puntato contro i programmi Ue in Tunisia, Libia e Niger. La Commissione Ue respinge le accuse: "Siamo il maggiore fornitore al mondo di aiuti allo sviluppo, i dati e i fatti parlano da soli"