HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Liga spagnola, Commissione Ue verso apertura indagine per agevolazioni fiscali illegali

Liga spagnola, Commissione Ue verso apertura indagine per agevolazioni fiscali illegali

Il responsabile per la Concorrenza prenderà una decisione perché in Spagna “non tutto è corretto”. Club come Barcellona e Real Madrid sono 'enti senza fine di lucro' e hanno quindi diversi vantaggi

Il responsabile alla Concorrenza prenderà una decisione perché in Spagna “non tutto è corretto”
Club come Barcellona e Real Madrid sono ‘enti senza fine di lucro’ e hanno quindi diversi vantaggi Real Madrid Barcellona

La Liga spagnola nel mirino dell’antitrust comunitario. Domani sono attese decisioni della Commissione europea su casi di presunti aiuti di stato illegali che riguardano i club professionistici tra massima serie del campionato di calcio e seconda divisione. I fascicoli all’attenzione della direzione generale per la Concorrenza riguarderebbero, tra le squadre della Liga, Barcellona, Real Madrid, Osasuna, Athletic Bilbao, Valencia ed Elche. Sotto la lente di bruxelles il fatto che le prime quattro, ad esempio, siano enti senza fini di lucro, e godano pertanto di significativi privilegi fiscali, ma anche il finanziamento pubblico degli altri 3 club, che nel 2011 hanno ricevuto un prestito di 118 milioni di euro dalla Comunitat Valenciana. Interessata anche l’Hercules, attualmente in segunda division (la serie B spagnola). Anticipazioni a Bruxelles per ora non se offrono. Antoine Colombani, il portavoce del commissario europeo per la Concorrenza, Joaquin Almunia, conferma che domani saranno prese decisioni per l’apertura di “un’indagine formale” sul mondo del calcio riferito alla Spagna, visto che “non tutto è corretto” nel paese iberico.

Il fatto a quanto pare è noto già da qualche tempo a Bruxelles. Il mediatore europeo ha esortato la Commissione europea a prendere posizione e, soprattutto, decisioni sul sistema di agevolazioni fiscali di cui avrebbero usufruito i club della Liga. Emily O’Reily ha lanciato pesanti accuse alla squadra di Almunia – spagnolo come i club su cui la direzione generale per la Concorrenza è chiamata a fare chiarezza – di voluti ritardi sull’apertura dei fascicoli. “La Commissione deve smetterla di rinviare una decisione sulle segnalazioni di vantaggi fiscali per i club spagnoli”, le parole di O’Reily, dopo che reclami e denunce di investitori sono rimasti inascoltati. Il mediatore europeo denunciato come la Commissione “non abbia saputo agire e rispondere a queste segnalazioni per oltre quattro anni”. Questi ritardi per O’Reily sarebbero dovuti al fatto che “potrebbe esserci un conflitto di interessi, dati forti legami del commissario Almunia a uno dei club in questione”. Immediata la replica di Colombani a difesa di Commissione e commissario. “Riceviamo circa 300 reclami l’anno per aiuti di Stato, oltre alle notifiche degli Stati membri, e le priorità le diamo alle notifiche degli stati membri”. Spiegazione (o giustificazione) a parte, domani Almunia si presenterà in sala stampa per annunciare delle decisioni relative al settore dell’energia, e in quell’occasione potrà anche fare il punto sulle società di calcio spagnole.

Renato Giannetti

Leggi anche:
L’Ue indaga sul calcio olandese: assistito con soldi pubblici?

ARTICOLI CORRELATI

Qatar 2022, il Parlamento Ue chiede risarcimenti per le vittime e punta il dito contro la corruzione
Sport

Qatar 2022, il Parlamento Ue chiede risarcimenti per le vittime e punta il dito contro la corruzione "dilagante" della FIFA

In una risoluzione approvata per alzata di mano all'emiciclo di Strasburgo, gli eurodeputati esprimono "cordoglio per le migliaia di vittime" e chiedono che vengano acclarati i responsabili. Sdegno per "gli abusi perpetrati contro la comunità LGBTQ+", con i rappresentanti del M5S che si presentano in aula con la fascia arcobaleno
Polemica per la fascia arcobaleno in Qatar, per la Commissione Ue i diritti LGBTQ+
Sport

Polemica per la fascia arcobaleno in Qatar, per la Commissione Ue i diritti LGBTQ+ "vanno riconosciuti in tutto il mondo". Ferma condanna dal Parlamento

Mentre 7 federazioni calcistiche europee decidono di non indossare la fascia a sostegno della comunità LGBTQ+ e puntano il dito contro la FIFA, per il commissario Ue Margaritis Schinas la manifestazione in Qatar "merita un successo globale". La Commissione chiarisce, "apprezziamo i risultati ottenuti con l'attuazione delle riforme, ma restano problemi di diritti umani e diritti del lavoro". Intanto in Parlamento acceso dibattito sul tema, con la deputata Aubry Manon che indossa la fascia in aula