Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Certificato Covid Recovery plan Elezioni Germania 2021 Coronavirus Brexit SmartEvent
Giocattoli e abiti i prodotti più pericolosi quando arrivano da fuori Ue (VIDEO)

Giocattoli e abiti i prodotti più pericolosi quando arrivano da fuori Ue (VIDEO)

Bruxelles – Attenti ai giocattoli, e ai vestiti. In particolare se vengono dalla Cina. Buona parte dei prodotti pericolosi destinati all’Europa sono bloccati alle frontiere, ma tanti ne passano comunque e quelli più minacciosi sono destinati ai nostri bambini.

Oggi la Commissione europea ha presentato il suo rapporto annuale sui prodotti pericolosi dal quale emerge che nel 2014 è stato impedito l’ingresso nell’Ue, o è stata disposta la rimozione dal mercato, di 2.435 prodotti – dai giocattoli agli autoveicoli – in quanto pericolosi per i consumatori. Da dodici anni la Commissione e gli Stati membri collaborano per garantire che i beni di consumo immessi sul mercato europeo siano sicuri attraverso il sistema di allarme rapido “Rapex” per i prodotti non alimentari.

“Ogni prodotto in Europa deve essere sicuro per i nostri cittadini. I prodotti che possono causare danni devono essere ritirati dal mercato quanto prima”, spiega Věra Jourová, Commissaria europea per la Giustizia e i consumatori. Proprio per questo motivo, continua “abbiamo creato il sistema di allarme rapido, uno strumento che nel corso degli anni si è rivelato molto efficace nella tutela dei consumatori europei. Si tratta di un esempio molto pratico della cooperazione dell’UE a vantaggio dei nostri cittadini”. Molti esempi di giochi perciolosi sono stati esposti alla Commissione europea, e mostrano come tanti di questi sono normalmente nelle mani nostre e dei nostri bambini. Un grande nemico è quello invisibile: le vernici tossiche usate per decorare i prodotti.

Il sistema di allarme rapido garantisce che le informazioni sui prodotti pericolosi non alimentari ritirati dal mercato e/o richiamati ovunque in Europa siano trasmesse rapidamente tra gli Stati membri e la Commissione. Ciò permette di adottare i conseguenti provvedimenti (divieto/blocco delle vendite, ritiro, richiamo o rifiuto all’importazione da parte delle autorità doganali) in tutta l’Ue e di informare i consumatori. Nel 2014 sono stati registrati nel sistema 2.755 provvedimenti di questo tipo. Sempre nel 2014 il sito web del sistema di allarme rapido è stato visitato da quasi due milioni di persone. Attualmente al sistema partecipano trentuno paesi (gli Stati membri dell’UE, l’Islanda, il Liechtenstein e la Norvegia).

Quali sono i prodotti che presentano rischi?

Nel 2014 i giocattoli (28%) e gli indumenti, i prodotti tessili e gli articoli di moda (23%) sono state le due principali categorie di prodotti a rischio. I rischi chimici, di lesioni e di soffocamento sono stati quelli segnalati più frequentemente.

I rischi chimici più comuni segnalati nel 2014 riguardano prodotti quali scarpe e articoli in cuoio (ad esempio il cromo VI, una sostanza che irrita la pelle), i giocattoli e gli articoli di puericultura (ad esempio gli addolcitori della plastica, che possono causare problemi di fertilità), e la bigiotteria (ad esempio metalli pesanti nocivi).

 Da dove provengono questi prodotti pericolosi?

La Cina rimane il principale paese di origine dei prodotti pericolosi notificati nel sistema di allarme rapido: nel 2014, come nel 2013, il 64% del totale delle notifiche riguardava prodotti provenienti da lì. La Commissione collabora con la Cina attraverso il “sistema di allarme rapido – CINA” che dovrebbeeo garantire che le autorità cinesi affrontino tutte le questioni di sicurezza dei prodotti in loco, ma evidentemente c’è più di una falla.

giocattoli
I settori nei quali ci sono state più segnalazioni di prodotti pericolosi
giocattoli
Notifiche in base al paese di origine del prodotto notificato nel 2014

 

COVID, la Commissione propone un 'capo epidemiologo' europeo per migliorare la risposta alle future crisi sanitarie
Cronaca

COVID, la Commissione propone un 'capo epidemiologo' europeo per migliorare la risposta alle future crisi sanitarie

Oltre un anno dopo lo scoppio della pandemia in Europa, l'Esecutivo dettaglia in una comunicazione le 'dieci lezioni' da trarre dalla crisi sanitaria tra cui la necessità di dare all'UE il potere di decretare uno stato di emergenza pandemico a livello europeo. Entro fine anno la proposta di un capo epidemiologo europeo per rafforzare la risposta europea alle crisi e un nuovo sistema europeo di raccolta di informazioni sulla pandemia
Cronaca

"Unione Europea della Salute", gli Stati muovono i primi passi e approvano il rafforzamento dell'EMA

I ministri della Sanità approvano il mandato negoziale per un confronto con l'Europarlamento, che inizierà nei prossimi giorni. Nel suo piano presentato a novembre, la Commissione chiede più potere agli Stati per fronteggiare le emergenze sanitarie, dopo che la pandemia da Coronavirus ha evidenziato le carenze di un sistema europeo che non attribuisce all'UE competenze specifiche in materia