HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Il Parlamento europeo approva le nuove norme per le sue elezioni
Il Parlamento europeo riunito a Strasburgo per i lavori d'Aula

Il Parlamento europeo approva le nuove norme per le sue elezioni

Introdotta la soglia obbligatoria tra il 2 e il 5 per cento nelle grandi circoscrizioni

Bruxelles – Via libera dall’Eurocamera a Strasburgo alla legge elettorale in vista delle europee a maggio 2019. Con 397 voti a favore, 207 contrari e 62 astensioni il parlamento europeo ha oggi approvato le nuove misure che permetteranno non solo di introdurre la possibilità del voto postale ed elettronico ma anche incoraggiando gli Stati membri a consentire ai loro cittadini che vivono in paesi non Ue di esprimere il voto. Inoltre, introduce misure contro il doppio voto e una scadenza minima per l’istituzione di liste elettorali. Queste misure – si ritiene a Strasburgo – rafforzeranno la trasparenza e la fiducia nelle elezioni.

Le nuove norme impongono una soglia obbligatoria per l’assegnazione dei seggi del Parlamento europeo nelle circoscrizioni con più di 35 seggi, al fine di evitare un’ulteriore frammentazione della Camera. Questa soglia non deve essere inferiore al 2% o superiore al 5% dei voti. Dei Paesi dell’Ue con più di 35 seggi, tutti tranne la Spagna e la Germania, hanno una soglia elettorale statutaria per le elezioni europee. Questi due Paesi dovranno ora conformarsi al nuovo obbligo e introdurre una soglia in tempo per le elezioni europee del 2024 al più tardi. Le disposizioni votate a Strasburgo ora dovranno essere adottate dagli stati membri.

Notizia tratta da Ansa.

ARTICOLI CORRELATI

Figli di coppie gay e adozioni, per la Commissione Ue il legame di genitorialità va riconosciuto in tutti gli Stati membri
Politica

Figli di coppie gay e adozioni, per la Commissione Ue il legame di genitorialità va riconosciuto in tutti gli Stati membri

Il commissario Ue per la Giustizia, Didier Reynders, ha presentato la proposta per armonizzare le norme "a tutela dei diritti dei minori" nelle famiglie in situazioni transfrontaliere: se uno Stato membro stabilisce la genitorialità, tutti gli altri Paesi Ue dovranno riconoscerla, a prescindere dall'orientamento sessuale dei genitori e dal modo in cui viene concepito il figlio