HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Gli italiani del PPE ricordano Andreotti e a Bruxelles scoppia la polemica. M5S:
1990: Giulio Andreotti, presidente del Consiglio e presidente di turno del Consiglio europeo, assieme al cancelliere della Germania riunificata, Helmut Kohl (archivio)

Gli italiani del PPE ricordano Andreotti e a Bruxelles scoppia la polemica. M5S: "Si legittima la mafia"

Il convegno organizzato in occasione del centenario dalla nascita in Parlamento europeo. Cesa: "E' stato uno dei più grandi europeisti della storia. I 5 Stelle chiedano al loro ministro Giulia Bongiorno chi era veramente Andreotti"

Bruxelles – Giulio Andreotti non merita di essere celebrato. E’ polemica sulla conferenza ospitata in Parlamento europeo sull’ex capo di governo italiano ed ex presidente del Consiglio dell’Ue (giugno-dicembre 1990). La delegazione italiana del PPE ha organizzato per domani un evento di celebrazione dello statista in occasione del centesimo anniversario dalla nascita. Un appuntamento ufficiale, con tanto di partecipazione del presidente dell’istituzione, Antonio Tajani, e il Movimento 5 Stelle però non ci sta.

L’iniziativa “legittima la mafia”, denunciano i pentastellati Piernicola Pedicini e Ignazio Corrao, convinti che con il convegno in programma il Parlamento europeo “lancia un messaggio sbagliato ai cittadini”. Sono i rapporti di Andreotti con Cosa Nostra a rendere inammissibile le celebrazioni del personaggio, secondo i 5 Stelle. “E’ imbarazzante che alla celebrazione di Andreotti partecipi la più alta carica del Parlamento europeo, Antonio Tajani”.

La locandina dell’evento organizzato in Parlamento europeo

Giulio Andreotti è stato accusato – e per questo finito a giudizio – di associazione a delinquere di stampo mafioso e associazione mafiosa. Assolto da quest’ultima accusa, la giustizia italiana per la seconda decise la prescrizione. Andreotti è stato dunque prosciolto, ma per Pedicini e Corrao non cambia nulla: “Ha commesso il reato di associazione a delinquere di tipo mafioso fino alla primavera del 1980”, e quindi bisogna dire “no alla legittimazione della mafia”.

I 5 Stelle chiedono quindi un passo indietro a Elisabetta Gardini e Lorenzo Cesa, i capi-delegazione italiana del PPE che hanno pensato di organizzare l’evento. Evento che resta però in programma, come rivendica Lorenza Cesa, pronto a rispedire al mittente critiche e accuse.

“Commemoreremo i cento anni di Giulio Andreotti, uno dei più grandi europeisti della storia”, taglia corto il parlamentare dell’UDC. “Poiché vedo improprie polemiche a riguardo invito questi Signori, in particolare i 5 stelle, ad informarsi su chi era realmente Giulio Andreotti dal ministro del loro Governo, Giulia Bongiorno”.

ARTICOLI CORRELATI

I democristiani europei ricordano Andreotti
Politica

I democristiani europei ricordano Andreotti

Il presidente del Partito Popolare Europeo, Wilfried Martens, e quello del Gruppo popolare al Parlamento di Strasburgo, Joseph Daul hanno espresso il loro dolore per la morte di Giulio Andreotti: “Uno dei leader della Democrazia Cristiana, partito fondatore del Ppe”. Per Giovanni La Via (Pdl): "Fu un convinto europeista".