HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Castaldo: La divisione nei 5 Stelle sulla Commissione non è un messaggio al governo
Fabio Massimo Castaldo

Castaldo: La divisione nei 5 Stelle sulla Commissione non è un messaggio al governo

"Un grave errore di metodo" da parte dei dissenzienti, "avrebbero dovuto chiedere un voto preventivo su Rousseau"

dall’inviato

Strasburgo – “Un grave errore di metodo, prima che di merito, che però non è un messaggio al governo”. Fabio Massimo Castaldo, vice presidente del Parlamento europeo e punto di riferimento europeo per il MoVimento 5 Stelle commenta così le quattro defezioni dal voto in sostegno alla fiducia per la Commissione von der Leyen dei suoi compagni pentastellati. In dieci hanno votato a favore, due contro e due si sono astenuti.

“C’era stato un confronto molto franco tra di noi, e una larga maggioranza ha sostenuto la necessità di continuare un rapporto con questo esecutivo”, ha spiegato Castaldo, indicando come temi principali il Green deal europeo e la lotta alle disuguaglianze “con il salario minimo”.

Però “alcuni tra noi hanno deciso di non rispettare la maggioranza, ed è stato un grave errore di metodo prima che di merito. Avrebbero dovuto – spiega il vice presidente dell’Eurocpamera – chiedere un voto preventivo sulla piattaforma Rousseau, e non capisco perché non lo abbiano fatto. E’ stato un grave errore che crea un precedente sbagliato”.

Assicura Castaldo che verso i dissenzienti “non ci saranno ritorsioni, ma resta la responsabilità politica, perché si deve essere squadra sempre”.

Il vice presidente del parlamento europeo spiega che “questo non è stato un messaggio al governo, che deve andare avanti ancora per i prossimi tre anni”.

Figli di coppie gay e adozioni, per la Commissione Ue il legame di genitorialità va riconosciuto in tutti gli Stati membri
Politica

Figli di coppie gay e adozioni, per la Commissione Ue il legame di genitorialità va riconosciuto in tutti gli Stati membri

Il commissario Ue per la Giustizia, Didier Reynders, ha presentato la proposta per armonizzare le norme "a tutela dei diritti dei minori" nelle famiglie in situazioni transfrontaliere: se uno Stato membro stabilisce la genitorialità, tutti gli altri Paesi Ue dovranno riconoscerla, a prescindere dall'orientamento sessuale dei genitori e dal modo in cui viene concepito il figlio